settesere it notizie-romagna-san-marino.-csu-dopo-la-stabilizzazione-dei-precari-iss-si-pensi-alla-pa-n28042 001

San Marino. CSU: dopo la stabilizzazione dei precari ISS si pensi alla PA

Romagna | 23 Febbraio 2021 SanMarino News
san-marino.-csu-dopo-la-stabilizzazione-dei-precari-iss-si-pensi-alla-pa
23 febbraio 2021. Si è chiuso oggi, con la ratifica in Consiglio Grande e Generale, l'iter per la stabilizzazione del personale precario dell'Istituto Sicurezza Sociale. Per la CSU ora va aperto un tavolo per eliminare il precariato in tutta l'Amministrazione Pubblica.
Il percorso di stabilizzazione del personale sanitario è iniziato a ridosso della prima ondata della Pandemia da Covid 19 e si è articolato in diverse tappe: sottoscrizione  del Protocollo d'Intesa ad agosto,  firma dell'Accordo a novembre e quindi il via libera degli elenchi degli stabilizzati in  gennaio. Oggi l'ultimo atto con la ratifica.
Nell'esprimere  soddisfazione  per "un risultato fortemente voluto e seguito passo dopo passo", i segretari delle Federazioni Pubblico Impiego della CSU, Antonio Bacciocchi (FUPI-CSdL)  e Milena Frulli (FPI-CDLS), sottolineano che "la stabilizzazione del rapporto di lavoro è un diritto a cui tutti i lavoratori devono accedere. Pertanto la giornata di oggi non è un traguardo, ma una tappa nel percorso di stabilizzazione di tutto il personale della Pubblica Amministrazione"
Per questo motivo, annunciano i segretari Bacciocchi e Frulli,  "ci prodigheremo affinché si apra al più presto il tavolo di confronto per mettere fine al precariato".  "Sarebbe infatti intollerabile  - continuano -  che l'Esecutivo non procedesse con la stabilizzazione del personale di tutta la Pubblica Amministrazione, non facendo seguito a quanto affermato più volte in sede di confronto. La precarietà non può essere una condizione normale di lavoro, rappresenta infatti una deprecabile eccezione alla quale porre al più presto rimedio".
I segretari delle Federazioni Pubblico Impiego di CSdL e CDLS  sottolineano infine che l'emergenza pandemia ha ancora di più   aumentato nel mondo del lavoro  il  bisogno di certezze: "Se si vuole tentare di dare una accelerazione all'economia interna del Paese, è essenziale dare garanzie al personale che più di tutti investe in territorio il proprio salario. Chiediamo, quindi, sia concretizzata la volontà più volte espressa dai componenti del Congresso di Stato ad uniformare lo stato dei diritti dei propri dipendenti, per evitare situazioni di evidente disparità".
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-san-marino.-csu-dopo-la-stabilizzazione-dei-precari-iss-si-pensi-alla-pa-n28042 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione