Otto etti e mezzo per 32 centimetri, Alessia e la voglia di vivere

Romagna | 12 Novembre 2019 Mamma Mia!
otto-etti-e-mezzo-per-32-centimetri-alessia-e-la-voglia-di-vivere
Barbara Gnisci
Una faccina tonda come una mela. Due occhi che sembravano disegnati con un pennarello. E un corpo scarno, tutto ossa, sotto a una pelle trasparente. Attaccata ai fili. Tutta nuda. Appoggiata su un pannolino. Intubata. È questo per la 53enne Sonia Brunelli, insegnante ravennate, il primo ricordo di sua figlia Alessia. Tutto comincia nel maggio del 1997 quando Sonia, a 31 anni, è incinta di cinque mesi. La gravidanza procede bene, fino a quando, un giorno, mentre è in farmacia a fare un controllo della pressione perché ha le gambe gonfie, scopre che è sopra i 200. Subito la corsa in ospedale. 
«Nel giro di tre giorni presi sei chili - ricorda Sonia -. Ero piena di liquidi. Smisi anche di urinare. Ero talmente gonfia che ero diventata irriconoscibile». A Sonia viene diagnosticata una gestosi gravidica al limite della riabilitazione e prospettato un trapianto di reni dopo il parto: «Un giorno vennero dei dottori a dirmi che era il momento di procedere con il cesareo. Non stavo bene e la mia bambina non mi va bene. Ero entrata il 17 maggio e mia figlia sarebbe nata il 21 maggio, solo dopo sei mesi di gestazione. Io, che avevo sempre mantenuto la calma, mi sentii come se tutto l’ospedale mi fosse caduto addosso. Quella bambina, che noi avevamo tanto voluto, era in pericolo». Alessia viene alla luce emettendo un flebile «ue». Pesa 8 etti e 30 grammi, ed è lunga 32 centimetri: «Non me la fecero vedere. Mi dissero che aveva bisogno di essere portata via». Subito dopo, Sonia viene trasferita in nefrologia ma, a differenza delle aspettative, non deve operarsi: «Avevo il catetere e non so quanto sacche mi cambiarono. Nessuno si spiegò mai il perché di un tale recupero».  Alessia, invece, è in incubatrice. Ci rimane 55 giorni. Ne seguono 15 nel lettino: «Molti mi dicevano di non affezionarmi alla bambina. All’inizio mio marito e io non avevamo nemmeno scelto il nome. Andavamo tutti i giorni a guardarla e dopo un mese ce la fecero prendere in braccio. Piano piano, cominciammo a pensare che ce l’avrebbe fatta. Lei, in realtà è sempre stata bene. E anche quando siamo usciti dall’ospedale, non ha avuto problemi. Certo, per vari anni ha fatto molte visite, ed è cresciuta un po’ minuta, ma, d’altronde, ha preso da noi». Il 30 luglio 1997 Alessia esce dall’ospedale: «Quando l’abbiamo portata a casa, finalmente, mi sono sentita mamma. La nostra esperienza è stata durissima, ma forse è proprio per questo che Alessia, Cesare e io siamo così uniti. Alessia è cresciuta sana e solare e noi siamo dei genitori per niente ansiosi». 
Oggi Alessia ha 22 anni, frequenta Scienze della formazione e ha una grande passione per la danza: «Mia figlia ha fatto sua la storia della propria nascita e, spesso, ne ha parlato nei temi a scuola, ndo sempre commuovere qualcuno. Come diceva il pediatra che l’ha seguita: “Tu, Alessia, sei il nostro miracolino. Sei proprio venuta bene. Ma il resto ce l’hai messo tu, una gran voglia di vivere”».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione