Esce la guida Slow Wine, in totale sono 44 le cantine segnalate per il 2020 in Romagna

Romagna | 09 Novembre 2019 Gusto
esce-la-guida-slow-wine-in-totale-sono-44-le-cantine-segnalate-per-il-2020-in-romagna
Riccardo Isola - L’autunno è la stagione della vendemmia, dei frutti del sottobosco e di quelli ritrovati, delle castagne e, soprattutto, delle guide. Manuali del buon mangiare e bere che fotografano, anno dopo anno, lo stato di salute e la qualità della produzione vitivinicola di quello scrigno enoico chiamato Italia. Sono dizionari del gusto che cercano di orientare l’enonauta attraverso un viaggio in calice che sappia emozionare e conoscere l’identità organolettica del vino a ogni sorso. Sono numerose quelle esistenti in commercio, e ognuna di esse si ritaglia un ambito ben preciso d’analisi e di riconoscibilità. Con la guida «Slow Wine» l’appassionato saprà trovare i cosiddetti sorsi di terroir «educati», rispettosi di quel concetto di «Buono, sano e giusto» di petriniana memoria. L’edizione del ventennale, valida per il 2020, ha recensito quasi 2.000 cantine, di queste, per la Romagna, sono finite in guida 44. Al vertice ancora una volta la provincia di Forlì-cesena (21 realtà presenti) seguita da quella di Ravenna (14) e poi Rimini (3). Non mancano anche importanti segnalazioni per il territorio imolese con 6 cantine. Come ogni guida che si rispetti non mancano i riconoscimenti. Slow wine ne adotta sei suddivise in due grandi macro riferimenti: uno per le cantine (Chiocciola, Bottiglia e Moneta) e uno per i vini (Slow wine, Grande vino e Vino quotidiano). Per il 2020 si registrano così 5 Chiocciole, 4 Bottiglie e 2 Monete per quanto riguarda le cantine mentre per i vini si hanno 6 riconoscimenti massimi come Vini slow, 4 come Grande vino e 8 come Vino quotidiano.
VINI SLOW
Per quanto riguarda le cantine in Romagna tre cantine segnalate sulle sei menzionate sono del ravennate. Si tratta di: Fondo San Giuseppe con il vino Colli di Faenza Trebbiano Tèra 2018 (Brisighella), Ancarani con il Romagna Albana Sànta Lusa 2016 (Faenza), Gallegati con il Romagna Albana Secco Corallo Giallo 2018 (Faenza). Le altre tre cantine sono nel forlivese. Queste sono Villa Papiano con Tera! 2018 (Modigliana), Marta Valpiani con il Marta Valpiani rosso 2017 (Castrocaro) e Villa Venti con il Romagna Sangiovese Longiano Riserva 2016 di Villa Venti (Roncofreddo).
GRANDI VINI
Quattro i cosiddetti Grandi Vini. Due sono del forlivese con Chiara Condello con il suo Romagna Sangiovese Predappio Le Lucciole Riserva 2016 (Predappio) e Stefano Berti con il Romagna Sangiovese Predappio Calisto Riserva 2015 (Forlì), una nel faentino con Ca’ di Sopra con il suo Romagna Sangiovese Marzeno Podere Ca’ del Rosso Riserva 2016 (Brisighella) e uno a Imola con la Fattoria Monticino Rosso con il suo Romagna Sangiovese Superiore Frutti Rossi Riserva 2016.
VINI QUOTIDIANI
Ben otto i premi per i Vini quotidiani. Tre nel ravennate, tre nel forlivese-cesenate, uno nel riminese e uno a Imola. A Rimini è segnalato il Romagna Pagadebit Vigna delle Rose 2018 di Podere Vecciano, nell’imolese il Romagna Albana Vigna Rocca 2018 di Tre Monti, nel faentino il Rosso 2018 di Paolo Francesconi, il Romagna Albana Bianco di Ceparano 2018 della fattoria Zerbina e il Romagna Sangiovese Superiore Crepe 2018 di Ca’ di Sopra. A Forlì sono segnalati Tenuta la Viola con il Romagna Sangiovese Superiore Oddone 2018 (Bertinoro), il Delyus 2018 di Marta Valpiani (Castrocaro) e la Tenuta Casali con il Famoso 2018 (Mercato Saraceno)
LE CHIOCCIOLE
Per quanto riguarda i riconoscimenti alle cantine tre sono forlivesi: Marta Valpiani (Castrocaro), Villa Papiano (Modigliana) e Villa Venti (Roncofreddo) e due ravennati con Paolo Francesconi (Faenza) e Vigne dei Boschi (Solarolo).
LE BOTTIGLIE
Le quattro bottiglie sono state riconosciute invece a Ca’ di Sopra (Brisighella), Fondo San Giuseppe (Brisighella), Gallegati (Faenza) e Chiara Condello (Predappio)
LE MONETE
Due le cantine menzionate con il simbolo delle monete e sono collocate una nell’imolese (Fattoria Monticino Rosso) e una nel riminese (Podere Vecciano).
Infine un riconoscimento, a titolo di menzione è arrivato anche per due vitigni aurtoctoni come il Burson e la Rambela che vedono citate tre cantine: Longanesi Daniele (Bagnacavallo), Tenuta Uccellina (Russi) e Celti Centurioni (Bagnacavallo).
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione