Calcio, quando il Cervia bucava lo schermo: il reality "Campioni, il Sogno" compie 15 anni

Romagna | 06 Settembre 2019 Sport
calcio-quando-il-cervia-bucava-lo-schermo-il-reality-quotcampioni-il-sognoquot-compie-15-anni
«Così tanta gente io non l’avevo vista neppure contro la Juve». Marzo 2005. In un normalissimo giovedì pomeriggio di inizio primavera, il cassiere dello stadio Barbera di Palermo non nasconde il proprio stupore: «Non ricordo di aver mai visto 40.000 persone qua dentro, eppure siamo tornati in serie A». Potere della televisione ma soprattutto di un programma che proprio oggi (la prima puntata è datata 6 settembre 2004) compie la bellezza di 15 anni: «Campioni, il sogno». Lo ricordate, vero? Fu il primo reality show ambientato interamente nel mondo del calcio, il cui obiettivo era seguire la vita sportiva (e anche privata, nella leggendaria residenza di Milano Marittima) di una squadra di calcio, il Cervia, che militava nel campionato di Eccellenza. Il pubblico a casa, attraverso il televoto, sceglieva tre giocatori (uno per ruolo) che l’allenatore – uno scatenato Ciccio Graziani – aveva l’obbligo di schierare almeno per un tempo alla domenica. I vincitori ottenevano il diritto di partecipare al ritiro pre campionato di Juventus, Inter e Milan. La prima edizione diventò subito un fenomeno di costume, con lo stadio Todoli di Milano Marittima costretto a rifarsi il look per ospitare non più poche centinaia di appassionati in tribuna, ma autentiche invasioni di ragazzi letteralmente conquistati dai protagonisti del programma. «Il primo anno la simulazione era perfetta - dichiarò in una intervista a La Stampa l’allora attaccante Emanuele Morelli, uno dei preferiti del televoto - cinquemila spettatori a partita, 40.000 in un’amichevole a Palermo, manco fosse la Nazionale azzurra. Cervia era un cult, venivano da fuori, dalla Sicilia, dalla Puglia, dalle Marche, legioni di ragazzine invasate. Ci rincorrevano per strada, eravamo finti ma sembravamo veri, eravamo catorci ma sembravamo Porsche». Dal 6 settembre 2004 in avanti Milano Marittima cominciò a diventare l’ombelico del mondo, con le indimenticabili dirette dalla residenza, i confronti tra i giocatori, le gag del direttore tecnico Magrini, gli sfoghi di un irresistibile Graziani. L’intera settimana veniva ripresa e documentata dalle telecamere di Italia 1, come un Grande Fratello qualsiasi, e poi l’appuntamento era con lo studio di Ilaria D’Amico (sì, proprio l’attuale signora Buffon) e Davide Dezan, per la scelta della formazione, rigorosamente in diretta, un fenomeno praticamente mai visto. La prima gara di campionato, datata 12 settembre 2004, si giocò a Cesenatico e terminò con un pirotecnico 3-3, con diretta su Italia 1 e addirittura su Sky, dove il telecronista era un giovanissimo Marco Cattaneo, oggi eccellente padrone di casa negli studi pre-partita in serie A. La prima stagione fu un autentico trionfo, sportivo e naturalmente televisivo, con l’incredibile «tutto esaurito» fatto registrare in alcuni stadi nobili d’Italia - come il Barbera di Palermo - per alcune amichevoli infrasettimanali a scopo (anche) benefico. Il Cervia, lo sponsor Vodafone, gli studi di Mirabilandia, Giuffrida, Gullo, Alfieri, la Gialappa’s Band, il televoto, Graziani. Sono trascorsi 15 anni, ma «Campioni, il sogno» in fondo non invecchierà mai.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione