Vai a https://www.regione.emilia-romagna.it/ucraina
Vai a  https://www.agriturismo.emilia-romagna.it/

Alfonsine, omicidio Minguzzi: assolti tutti e tre gli imputati

Romagna | 22 Giugno 2022 Cronaca
alfonsine-omicidio-minguzzi-assolti-tutti-e-tre-gli-imputati
Il 22 giugno, dopo una breve camera di consiglio ha assolto con formula piena due ex carabinieri Orazio Tasca, e Angelo Del Dotto, 57, ed Alfredo Tarroni finiti alla sbarra con l'accusa di aver ucciso il carabiniere di leva 21enne Pier Paolo Minguzzi sequestrato il 21 aprile 1987 e il cui corpo era stato ritrovato nel Po di Volano il 1 maggio. Il pm Marilù Gattelli aveva chiesto l'ergastolo per tutti e tre. Pier Paolo Minguzzi era studente universitario e carabiniere di leva alla caserma di Mesola, quando venne sequestrato mentre stava rincasando e probabilmente ucciso quasi subito e gettato nel Po di Volano legato ad una grata. Il giorno successivo la sua auto venne trovata aperta con le chiavi nel cruscotto, parcheggiata in centro ad Alfonsine, ma la Scientifica non isolò impronte diverse da quelle del 21enne, poi quella sera la famiglia venne contattata da un rapitore con accento siciliano che chiese 300 milioni di riscatto. Seguirono altre telefonate, ma i sequestratori non poterono fornire la prova dello stato di salute di Pier Paolo perchè, molto probabilmente, era già morto, dunque non si arrivò ad un accordo. Il corpo del giovane venne trovato in acqua la mattina del 1 maggio vicino a Codigoro: le mani legate dietro alla schiena ed incaprettato alla grata. L’autopsia rivelò che la morte era avvenuta per soffocamento. Le indagini andarono avanti per mesi senza arrivare ad una svolta decisiva. A luglio vennero arrestati due carabinieri di Alfonsine, di cui uno originario di Gela ed un idraulico, autori del sequestro dell’imprenditore Roberto Contarini avvenuto qualche mese dopo il ritrovamento di Minguzzi, ma non poterono essere collegati all’omicidio di Pier Paolo, quindi l’indagine venne archiviata nel ’96. Secondol'ex procuratore capo di Ravenna, Alessandro Mancini che, nel 2018, aveva riaperto il cold case sperando di riuscire ad arrivare alla verità grazie alle nuove tecniche investigative, c’era un collegamento tra le due estorsioni e non era ipotizzabile che ad Alfonsine, nello stesso periodo, operassero ben due gruppi criminali «specializzati» nei sequestri. Inoltre era stato chiarito che i tre indagati si conoscevano. La famiglia del giovane, in 35 anni non aveva mai smesso di cercare la verità, chiedendosi se la morte di Pier Paolo fosse da attribuire ad un sequestro per avere un riscatto, organizzato male oppure ad un’esecuzione per qualcosa che poteva aver visto durante gli appostamenti che faceva come carabiniere di leva.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-alfonsine-omicidio-minguzzi-assolti-tutti-e-tre-gli-imputati-n34502 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione