Rintracciata in poche ore la banda che ha tentato un furto in un bar di S.Antonio

Ravenna | 11 Febbraio 2017 Cronaca nera
rintracciata-in-poche-ore-la-banda-che-ha-tentato-un-furto-in-un-bar-di-s.antonio
E' stata assicurata alla giustizia la banda di tre moldavi, due 32enni ed un 29enne, noti alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio, colpevoli di aver tentato un furto al bar Claudia di S.Antonio attorno alle 3,30 del 9 febbraio. Sono stati arrestati all'alba dell'11 febbraio dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Sacile e della stazione di Fontanafredda, con l’ausilio dei militari della Compagnia di Ravenna e del Nucleo Radiomobile di Bologna. Gli uomini dell'Arma erano sulle tracce dei tre, specializzati in furti in aziende ed abitazioni del Nord Italia.Di notte, con un furgone, rubato poco prima a S.Antonio avevano distrutto la vetrata del bar per sottrarre le slot all'interno. Ma il rumore ha svegliato alcuni cittadini che hanno lanciato l'allarme al 112 , prontamente intervenuto. Giunta sul posto una pattuglia che si trovava già in zona in servizio perlustrativo mirato alla prevenzione e repressione di tali tipologie di reato, ha messo in fuga i malviventi che si sono dileguati nelle campagne circostanti lasciando nel bar alcuni arnesi da scasso. Il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ravenna ha effettuati i rilievi del caso raccogliendo elementi utili ai fini investigativi per l'identificazione degli autori del reato. I carabinieri friulani, in sinergia coi colleghi del Nucleo Radiomobile li hanno fermati a bordo della Peugeot 3008 usata per la fuga, in via Bonvicini a Bologna e sono stati portati in carcere. Il 32enne, da accertamenti sulle impronte digitali, è risultato anche destinatario di un' ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa esattamente un anno fa dalla Corte di Appello di Bologna: dovrà essere consegnato alle autorità austriache sulla base di Mandato di Arresto Europeo per reati contro il patrimonio commessi in loco. Grazie alle perquisizioni sono stati ritrovati capi d'abbigliamento e generi alimentari sottartti in negozi ed abitazioni inoltre le forze dell'ordine hanno a disposizione diversi elementi per ricostruire le responsabilità del gruppo criminale in reati predatori commessi nel nord Italia.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione