Ravenna, Commercio: saldi, negozianti moderatamente ottimisti

Ravenna | 12 Gennaio 2020 Cronaca
ravenna-commercio-saldi-negozianti-moderatamente-ottimisti
Federica Ferruzzi - E’ arrivato il periodo dell’anno più atteso dai consumatori, ovvero quello dei saldi che, in Emilia-Romagna, si protrarranno fino al 3 marzo. Secondo un sondaggio condotto da Confcommercio le aspettative dei commercianti saranno in tono minore rispetto allo scorso anno, ma gli importi degli scontrini saranno più alti. 

BENE IL NATALE
Per la maggior parte degli intervistati le vendite natalizie sono state soddisnti, mentre sono state stabili quelle dell’intero anno. Alla prima domanda «Cosa si aspetta quest’anno dalle vendite nel periodo dei saldi?», per il 75,8% degli operatori intervistati le vendite saranno stabili o in aumento (rispetto al 2018 e al 2019 oltre 10 punti in meno) contro il 24,2% per i quali si verificherà una diminuzione. In particolare, il 50,8% si attende vendite stabili e il 25% in aumento. Alla domanda ‘Quanto pensa spenderanno mediamente le famiglie?’, lo scontrino medio per il 46,4% degli intervistati si attesterà dai 30 agli 80 euro e per il 25,1% dagli 80 ai 120 euro. Per il 17,8% lo scontrino sarà oltre i 120 euro (in deciso aumento rispetto allo scoro anno), mentre per il 10,7% i clienti spenderanno dai 15 ai 30 euro.

SI’ AGLI ACQUISTI UTILI
Per il 53,5% degli intervistati le vendite riguarderanno beni utili (in diminuzione rispetto allo scorso anno), in forte aumento i prodotti di marca di fascia alta (35,7%). In calo i prodotti economici pari al 7,1% che ritornano ad attestarsi sulla percentuale del 2018 dopo l’aumento dello scorso anno. La quarta domanda del sondaggio riguarda l’andamento delle vendite nel periodo natalizio. In deciso aumento il numero dei commercianti che hanno dichiarato vendite soddisnti o stabili pari al 78,9%: stabili per il 28,7% e soddisnti per il 50,2%, mentre lo scorso anno la percentuale complessiva era pari al 71,3%. Infine, l’ultima domanda riguarda le vendite complessive di tutto il 2019. Per il 52,6% dei commercianti le vendite sono state stabili, per il 25,1% soddisnti. In calo per il 22,3% degli operatori. Rispetto allo scorso anno si è più che dimezzata la percentuale di chi ha dichiarato un calo delle vendite. 

PERANI, COMMERCIANTE: "SPERIAMO DI LAVORARE ALMENO COME L'ANNO SCORSO"
«Ci si augura di lavorare almeno come l’anno scorso, non abbiamo aspettative alte: siamo praticamente in saldo tutto l’anno per via di iniziative quali il Black Friday e siamo consapevoli che il potere di acquisto sia diminuito e che lo scontrino medio si attesti intorno ai 30 euro, per questo rimaniamo con i piedi per terra». E’ quanto sostenuto da Stefano Perani, commerciante dello storico negozio di abbigliamento di piazza Baracca, che sottolinea: «Per lavorare si lavora, ma le spese sono sempre troppe. Le associazioni, in questo, non aiutano: purtroppo qui non ci sono i sostegni di cui godono i commercianti di Rimini o di Bologna, dove gli imprenditori del centro vengono sollevati dal pagamento di determinate tasse e dove le botteghe storiche godono di diverse agevolazioni». Secondo Perani «si dovrebbero regolamentare di più gli sconti che vengono applicati in stagione e insieme a questo si dovrebbe puntare maggiormente sulla pubblicità dei monumenti, che dovrebbero fungere da attrattiva, mentre per quanto riguarda il turismo più che altro si lavora sul passaparola. La promozione di San Vitale da parte di Alberto Angela aveva contribuito ad attrarre visitatori - prosegue Perani, che chiede a Comune e associazioni un maggiore numero di eventi in centro «spalmati» durante l’anno. «Da due anni a Bologna allestiscono luminarie con frasi tratte dalle canzoni di Dalla e Cremonini, noi non abbiamo Dante? Perchè non si è pensato ad organizzare qualcosa di analogo con i suoi versi?». Per ora il Sommo Poeta è finito in una tisana ideata da alcuni imprenditori ravennati, quattro erboristerie e una parafarmacia, come spiega Alice Branzanti, proprietaria di un neogzio in via Diaz. «L’idea sta piacendo, anche se ancora non le abbiamo dedicato il giusto spazio, per questo a breve allestirò una vetrina ad hoc. Per quanto riguarda più in generale le vendite sono abbastanza contenta, visto il momento di crisi che ha colpito la nostra via». 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione