Ravenna, Caporalato/2, Alassane: "Quando ci dissero di essere al primo giorno di lavoro"

Ravenna | 30 Novembre 2019 Cronaca
ravenna-caporalato2-alassane-quotquando-ci-dissero-di-essere-al-primo-giorno-di-lavoroquot
Seck Alassane è il portavoce del coordinamento immigrati Flai Cgil di Ravenna e fa parte del gruppo che periodicamente si reca nelle campagne ravennati per informare i lavoratori sui loro diritti. Prima di diventare portavoce ha sperimentato sulla propria pelle le difficoltà che possono subentrare nei rapporti di lavoro e la prima volta che si rivolse alla Cgil fu per ottenere supporto relativamente alla propria situazione. «Da allora – spiega – ho deciso di rimanere all’interno del sindacato e di battermi per chi ha meno diritti. Sono sempre stato armato dalla volontà di fare e di ottenere giustizia per chi si trova in difficoltà e chi è più debole». E proprio dall’ascolto di chi arrivava raccontando la propria situazione è nata l’idea del progetto «In campo»,  per verificare da vicino le situazioni vissute da questi lavoratori. «All’inizio ci sono state molte esperienze negative, in molti casi l’accoglienza non è stata rosea. Abbiamo trovato persone sgarbate, ma anche imprenditori disposti a dialogare e a farci parlare con i braccianti. Alcuni applicano il contratto collettivo nazionale, mentre altri nascondono irregolarità». Tra i vari aneddoti, il portavoce del coordinamento riporta quello relativo ad un piccolo imprenditore locale, «che inizialmente ci prese a male parole. Per lui lavorava un gruppo di pakistani che dicevano di essere al primo giorno di lavoro, ma sembravano essere stati programmati come un computer. Alla fine, con molta calma, siamo almeno riusciti ad instaurare un dialogo. Abbiamo lottato per la legge 199 del 2016 ma se siamo arrivati al 2019 e si parla ancora di caporalato vuol dire che qualcosa non va». «Perchè - conclude Alassane - se uno sta male e il medico gli prescrive una medicina, per guarire deve prenderla, non pronunciarne il nome. Noi lo abbiamo capito e abbiamo messo in campo il progetto proprio per combattere il fenomeno».  (fe.fe.)
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione