Gli anni Venti al Museo internazionale della ceramica

Faenza | 18 Febbraio 2017 Cultura
gli-anni-venti-al-museo-internazionale-della-ceramica
Sandro Bassi
Non solo succursale di quella di Forlì, la mostra Ceramica Déco, il gusto di un’epoca, al Mic di Faenza (inaugurazione venerdì 17 alle 18), racconta uno stile, un modo di vivere e concepire l’arte e la bellezza. Attraverso più di 130 opere - principalmente ceramiche, ovvio, ma anche ferri battuti, vetri, arredi e xilografie - si offre lo spaccato di un decennio intenso, tormentato dai postumi della Grande Guerra e dalle avvisaglie della crisi del ’29, ma gravido di fermenti. Parliamo dei furibondi anni Venti in cui emergono Giò Ponti, le manifatture Richard Ginori, Lenci e Rometti, in scultura Arturo Martini e nel design il Bauhaus della repubblica di Weimar; tuttavia, come sottolinea la curatrice Claudia Casali «qui ci siamo concentrati sul settore ceramico e sui nomi locali, tutt’altro che marginali».
A Faenza il Déco vedrà soprattutto le raffinatissime - in bilico fra decadenza ed estetismi languidi - composizioni di Francesco Nonni e di Giovanni Guerrini, ma è preceduto dalle istanze del Cenacolo Baccariniano. Sarebbe una forzatura far passare per pioniere del Déco il povero Domenico Baccarini, che muore nel 1907, tuttavia il Mic individua alcune significative «premesse» già in quel primo decennio del secolo e mette in mostra la klimtiana Fanciulla tra i gigli, di Baccarini, accanto a due noti vasi di Galileo Chini, a due straordinarie sculture liberty di Drei e Rambelli e al precursore Violinista di Castellani.
La sontuosità del Déco esplode con Nonni, presente con il Corteo orientale (l’esemplare del Mic è in prestito a Forlì: qui c’è una versione del 1925) e con effeminate figure di danzatori, odalische e pierrot. Nonni interpreta il Déco con eleganza inarrivabile, carica di sensualità ambigua.
Più solide e «maschie» le ceramiche di Rambelli e dell’irascibile Melandri che con la sua creatività non poteva non misurarsi anche con il Déco. Le curiosità più stimolanti sono forse nel Lampadario ad elica rotante - non proprio inedito ma sempre spettacolare - della manifattura Baldi di Brisighella, ad una terracotta smaltata di Ammannati molto tarda (1935), rientrante nelle celebrazioni dei mestieri agresti care al regime ma di maestria commovente e in un vaso di Manlio Trucco (1928) con suggestioni dall’aeropittura. Il resto proviene dai ricchi, in parte inediti, depositi del Mic, da quell’eccezionale museo-campionario che è il Misa dell’ex «Ballardini» e da privati.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione