Imola, festeggiati i 100 anni della signora Lea Bianconi

Emilia Romagna | 25 Febbraio 2023 Cronaca
imola-festeggiati-i-100-anni-della-signora-lea-bianconi

Ha compiuto e festeggiato oggi i 100 anni la signora Lea Bianconi, “sempre solare e sorridente”, come la racconta il figlio Silvano Casella. Con gli auguri che le sono arrivati dai suoi fratelli e sorelle più giovani Marino, Teresa e Celso, oltre che dai figli Iole e Silvano, con le loro famiglie, compresi i 4 nipoti e i 7 pronipoti, mentre a formularle gli auguri a nome della Città e consegnarle la medaglia dei centenari è stato il sindaco Marco Panieri.

Nata a Ca’ Pedriaghe (Pieve di Sant’Andrea - Casalfiumanese) il 25 febbraio 1923, in una famiglia a mezzadria, Lea Bianconi è la maggiore di sette fra fratelli e sorelle. Fin da bambina ha aiutato i genitori nei campi, poi una volta sposata con Gino Casella, sul finire degli anni Quaranta, ha seguito il marito nella casa dei suoceri in località Borello (Zello di Imola). Da Zello, la famiglia si trasferì anni dopo a Pieve Sant’Andrea, dove Lea e il marito Gino continuarono a lavorare neicampi, infine nei primi anni Sessanta, l’arrivo in città, a Imola, e un nuovo lavoro da domestica.

Ottima cuoca, la sua specialità sono i tortellini, molto amati in particolare dai nipoti. “Una ricetta vera e propria non ce l’ha: lei assaggia e poi, se serve, aggiunge un pizzico in più di un ingrediente o di un altro e il risultato è sempre eccezionale” racconta il figlio. “Una volta andata in pensione, si è anche dilettata per qualche tempo nel ‘leggere le carte’, ma solo per le amiche, che comunque hanno sempre detto che ci prendeva” aggiunge il figlio. 

Amante del sapore dolce, tutt’oggi continua a bere ogni giorno due dita di vino rosso, rigorosamente Lambrusco dolce e a mangiare un poco di Nutella. Inoltre ama tenersi informata, leggendo tutti i giorni il Carlino Imola e il Corriere Imola. “Mentre la televisione qualche tempo fa me l’ha fatta proprio smontare e togliere dalla sala, perché dice che ‘hanno sempre ragione loro’” conclude il figlio Silvano Casella. Viene da pensare che se è arrivata a cent’anni, sempre solare e sorridente, tutti i giorni bevendo due dita di Lambrusco e mangiando un po’ di Nutella, forse un po’ di ragione ce l’ha anche la signora Lea Bianconi.

Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-emilia-romagna-imola-festeggiati-i-100-anni-della-signora-lea-bianconi-n37557 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione