Le due sfilate di San Grugnone a Conselice, pensando al centenario

Bassa Romagna | 27 Febbraio 2017 Cultura
le-due-sfilate-di-san-grugnone-a-conselice-pensando-al-centenario

«Di feste di Carnevale che raggiungono i cent’anni, a pensarci bene, ce ne sono poche. Ed è anche per questo che stiamo già ragionando sul centenario». Ha ragione Mentino Preti, capofila del comitato San Grugnone di Conselice che con l’edizione di quest’anno spegnerà 98 candeline, all’insegna di quel «gozzoviglio» e di quella trasgressione dalle regole che hanno raso la coloratissima e caciarona parata conselicese una delle più originali, partecipate e travolgenti feste carnevalesche della Romagna.

Nata all’indomani della Grande Guerra da un gruppo di eruditi reduci che proprio non volevano saperne di rispettare i mesti dettami della Quaresima, la tradizione di San Grugnone vede nel mercoledì delle ceneri la trasformazione del Comune di Conselice nel bizzarro reame del Boystelandm con tanto di Re, il Pangiagleba, che guida la colorata fauna in una pantagruelica gita tra le frazioni.

«Mercoledì 1 marzo, come sempre, partiremo alle 14 da piazza Foresti e svolteremo in campagna all’altezza del cimitero – spiega Mentino Preti -. Attraverseremo San Patrizio, Borgo Serraglio e Chiesanuova festeggiando nei cortili e nelle case, con carri e maschere».

Il comitato della festa lavora su una decina di carri, un paio dei quali realizzati in collaborazione con l’asilo e le scuole elementari di Conselice e dopo la sfilata nei campi l’intera città aspetta con trepidazione la grande festa di piazza del 12 marzo. «I carri saranno una ventina, con i migliori dai territori limitrofi – spiega Preti -. Avremo anche le nostre auto americane, una banda con le majorettes, dei ballerini, la comicità di Sgabanaza e l’ormai tradizionale lancio di cioccolatini e caramelle, circa quattro quintali, e poi un migliaio di palloncini e tanto altro. L’ingresso per gli adulti costa 5 euro, per i bambini è gratuito e ogni bambini riceverà un dono all’ingresso: abbiamo 350 palloni e altrettanti giocattoli e uova di Pasqua. E’ un carnevale impegnativo da organizzare, ma anche una delle feste più divertenti a cui si possa partecipare». (f.sav.)

CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione