settesere it notizie-romagna-san-marino.-l-opposizione-evidenzia-le-incongruenze-della-maggioranza-n27983 001

San Marino. L'opposizione evidenzia le incongruenze della Maggioranza

Romagna | 21 Febbraio 2021 SanMarino News
san-marino.-lopposizione-evidenzia-le-incongruenze-della-maggioranza
Seduta urgente del Consiglio Grande e Generale sabato, per la prima volta nella storia della Repubblica lo Stato fa un debito estero pubblico sui mercati internazionali per 340 milioni di euro. 
UN GOVERNO POLEMICO E URLATORE
Proprio dai banchi dell' Esecutivo, per strumentalizzare e polemizzare alla faccia della responsabilità, si e' parlato di settimana nera dell'opposizione senza tenere in considerazione che siamo l'unico Paese senza vaccino e che abbiamo indebitato la nostra Repubblica senza sapere come pagare questi debiti. 
Ciliegina sulla torta, il Segretario di Stato con delega all'Informazione Teodoro Lonfernini, preso da delirio di onnipotenza, ha addirittura chiesto urlando di chiudere giornali a lui non congeniali, prima di uscire dall'aula dopo il suo "straripante" show.
IL TENTATIVO DELLA MAGGIORANZA DI LIMITARE LA DC 
Ma la scena più surreale è andata in onda poco prima della mezzanotte, quando Rete e Motus Liberi, con uno scatto d'orgoglio, per battere un colpo nei confronti della Democrazia Cristiana, totalmente egemone in questa fase politica, chiede di approvare un ordine del giorno per condividere l'azione del Segretario Gatti nella gestione delle risorse del bond. 
Un lunga pausa e la "montagna produce un topolino": licenziato un ordine del giorno, di indirizzo politico, condiviso anche dalla Dc, per aprire una fase di confronto rispetto all'indebitamento pubblico.
Un ODG che pare uno specchietto per le allodole, visto che gli stessi emendamenti al decreto presentati da Libera e dall'opposizione siano stati tutti bocciati dal Governo e maggioranza, nonostante proponessero sostanzialmente le stesse cose. 
Scommettiamo che gli impegni previsti dall'odg, caldeggiato dalla rediviva "Domani in Movimento, Rete e Motus, verranno disattesi?
LE PROPOSTE DI LIBERA: TRASPARENZA E CONDIVISIONE
Libera ha proposto e richiesto:
- un impegno preciso al Segretario alle Finanze di Rendicontazione periodica dell'utilizzo debito pubblico presso la Commissione Finanze;
- La predisposizione di un piano degli investimenti per lo sviluppo e il rilancio economico della Repubblica attraverso un confronto con le forze politiche presenti in Consiglio Grande e Generale, e le parti sociali ed economiche.
- Di Restituire integralmente il prestito ponte sottoscritto con la Cargill Financial attraverso l'istituzione di un fondo segregato e fruttifero di 150 milioni di euro
- Che i capigruppo consigliari potessero consultare gli elenchi dei titolari dei titoli di debito, i loro indirizzi, le loro partecipazioni e tutti gli altri dettagli per avere massima trasparenza.
Gli emendamenti di Libera, compreso l'ordine del giorno, sono stati bocciati dalla maggioranza!
Libera, nonostante il muro di omertà di maggioranza e governo, continuerà a battersi per la trasparenza e la responsabilità, perché il debito contratto peserà sulle spalle dei cittadini, soprattutto i più giovani e quindi va esercitato un controllo democratico sulla gestione delle risorse e definito un piano di riforme per renderlo sostenibile.
Al bullismo e ai giochi politici della maggioranza rispondiamo con idee, buon senso e proposte. Ne va del futuro del nostro Paese.

Libera
___________________________________________________________________________________


Ancora una volta il Consiglio Grande e Generale ha mostrato la contraddittorietà di questa maggioranza e di questo Governo.
In mezzo ai tanti pasdaran che hanno ripetuto il compitino scritto da altri magnificando risultati che non ci sono, si sono infatti ascoltate tante ragionate e ragionevoli dichiarazioni di consiglieri ed anche membri di Governo che, consapevoli delle sfide che da oggi si aprono dopo l'emissione del bond, hanno richiamato:
a) ad un uso intelligente del debito, mirando allo sviluppo, a progetti a lungo termine e non a piccoli interventi a volte dal sapore clientelare (perfetto, in tal senso, l'intervento del Segretario Righi),
b) alla necessità di un rapido azzeramento del deficit che consenta di poter pagare gli interessi sul debito (il consigliere Spagni, ad esempio),
c) alla necessità di un preciso piano di interventi, coordinato e definito, anche sul sistema bancario per riportare il paese su un sentiero di crescita (ad esempio il consigliere Valentini).
Abbiamo citato tre interventi ma altri sono andati in questa direzione, tra cui vogliamo citare quelli del consigliere Zonzini, Andruccioli e dello stesso capogruppo Mussoni.
Sono dichiarazioni e intenti che condividiamo e che potrebbero rappresentare una importante e razionale piattaforma politica che miri ad una corretta gestione delle risorse pubbliche in una fase nuova e difficile per il Paese.
Poi, alla prova dei fatti, come sempre le dichiarazioni vengono seppellite e la maggioranza vota ogni proposta del Governo, anche quando smentisce completamente quanto detto prima.
Così, l'articolo 11 del Decreto Delegato, proposto dal Segretario Gatti senza confronto neppure all'interno della sua maggioranza, è stato votato compattamente dalla maggioranza stessa.
Quell'articolo, purtroppo, prevede che le risorse del debito vengano sostanzialmente buttate dalla finestra, e destinate in gran parte a rimborsare prestiti pregressi (93 milioni a Carisp, 55 a Banca Centrale, 150 a Cargill), prestiti su cui lo Stato pagava meno interessi di quelli che pagherà oggi. Una cosa veramente geniale, come tutti potranno capire.
Praticamente abbiamo un debito che per oltre l'88% servirà a pagare debiti pregressi che costavano meno di quello che costeranno da ora in avanti.
Per lo sviluppo restano circa 40 milioni, il 12% del debito che abbiamo contratto, che non si sa ovviamente come saranno destinati.
Anche perché non c'è ovviamente una mezza politica per ripianare il disavanzo e, considerato il buco previsto per il 2021 pari a 70 milioni che crescerà per effetto delle spese sanitarie, anche quello andrà coperto.
Temiamo dunque che per lo sviluppo restino le briciole, forse addirittura niente.
Gli emendamenti proposti da Repubblica Futura, miranti a spendere meglio le risorse del debito, sono stati tutti bocciati, naturalmente.
La maggioranza sembrava parzialmente sfaldarsi quando Rete e Motus Liberi hanno presentato un ordine del giorno senza il resto della maggioranza, che tendeva giustamente a "commissariare" il Segretario Gatti chiedendo una spesa razionale del debito. Ma, dopo una sospensione di quasi 30 minuti, ha trovato la solita mediazione su un ordine del giorno inutile pieno di frasi generiche.
Purtroppo gli ordini del giorno li porta via il vento e raramente vengono attuati, le norme di legge restano ed ancora una volta il Segretario Gatti ha imposto la sua insensata politica a tutto il resto del gruppo.

Repubblica Futura
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-san-marino.-l-opposizione-evidenzia-le-incongruenze-della-maggioranza-n27983 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione