Maturità 2020, il ricordo di Davide Dapporto di Faenza: «Anno Covid diverso, esperienza incompleta»

Emilia Romagna | 06 Giugno 2022 Lab 25

Jessica Gonelli - «In tempo di Pandemia la maturità semplificata è stata oggettivamente più semplice e tutto è andato a discapito del nostro apprendimento». Davide Dapporto, classe 2001, si è diplomato nel 2020 presso l’istituto Itip Bucci di Faenza. Ora frequenta il secondo anno di università a Bologna.
Davide hai fatto la maturità nel 2020, dopo quasi quattro mesi di Dad per via dello scoppio della Pandemia. Come ti sei sentito?
«Mi è dispiaciuto molto. È venuta a mancare la fine di un percorso durato cinque anni della mia vita. Sarebbe stato bello passare quegli ultimi mesi con i miei compagni, così come ci aspettavamo di fare. Sul momento penso comunque di averla presa con filosofia: dipendeva da qualcosa molto più grande e mi rendevo conto che non avremmo potuto fare diversamente».
A livello di apprendimento è cambiato qualcosa?
«Sicuramente sì. Io non ho avuto grossi problemi perché ho sempre studiato e ho sempre avuto la voglia di andare bene, ma per molti è calata la voglia ed è aumentata la possibilità di adagiarsi un po’. La Dad ha sicuramente tolto tanto all’apprendimento».
Anche l’esame di maturità è stato stravolto: le prove scritte sono state condensate in un unico colloquio orale. Cosa ne pensi?
«Penso che la maturità così strutturata abbia appiattito molto i risultati in alto. Assemblare tutti gli scritti in una prova orale ha aiutato parecchio: all’orale entrano in gioco anche delle componenti personali e i professori tendono ad aiutare i candidati, mentre una prova scritta deve essere valutata così com’è. Per quanto mi riguarda è stato un esame molto facile, ma penso quasi per tutti: se eri spigliato nel parlare te la cavavi bene».
Cosa dovrebbe essere la maturità?
«Dovrebbe dimostrare la maturità del ragazzo e quindi una componente di pressione, che ti metta in difficoltà, ci deve essere. Questa componente a mio parere è data dalle prove scritte: sei da solo davanti a un foglio e devi cavartela con le tue forze, con quello che sai. Quest’anno tornerà ad essere così e penso che sia molto giusto».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-emilia-romagna-maturita-2020-il-ricordo-di-davide-dapporto-di-faenza-aanno-covid-diverso-esperienza-incompletaa-n34231 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione