Ravenna, oasi da salvare: «A breve sarà troppo tardi»

Romagna | 02 Febbraio 2019 Cronaca
Mille firme da Ferrara a Pesaro, comprese quelle di una ventina di associazioni ambientaliste, per chiedere di salvare le oasi di Punta Alberete, Valle Mandriole e Bardello. A parlare del pubblico appello è il professore emerito dell'Università di Bologna Paolo Pupillo, presidente dell'Unione bolognese naturalisti, preoccupato del fatto che senza una serie di interventi tempestivi possa essere persa per sempre l'eccezionalità delle aree palustri a nord di Ravenna, per molti anni serbatoio straordinario di biodiversità: «Nel giugno dello scorso anno c'è stata una mobilitazione per sollecitare le pubbliche autorità locali alla messa in atto di interventi che potessero quanto prima invertire la situazione. Lo scorso novembre, poi, abbiamo organizzato un convegno sul tema, in parte finanziato dal Comune di Ravenna, di cui presto pubblicheremo gli atti. Vogliamo che resti traccia delle nostre osservazioni, anche nell'ottica di appellarci alle istituzioni europee».
Sono tre, nello specifico, le azioni urgenti da implementare per salvare le tre aree: «Prima di tutto serve un intervento tecnico forte a contrasto dell'avanzamento del cuneo salino dal mare attraverso le foci dei fiumi. In secondo luogo, bisogna avere la disponibilità di qualche milione di metro cubo di acqua dai fiumi Lamone e Remo per ripristinare le condizioni di acqua dolce delle oasi, cosa che all'apparenza è semplice ma che in realtà prevede spese considerevoli. Terzo, ci vuole un controllo delle specie animali non autoctone come il gambero della Louisiana, la carpa e la nutria, fattori di disturbo notevoli».
I fautori dell'appello, tra cui compaiono anche Wwf, Italia Nostra, Legambiente, Federazione Pro Natura e Società di scienza naturali della Romagna, proveranno a concordare un documento tecnico propositivo, nella consapevolezza che le competenze coinvolte nelle tre oasi siano diverse: Parco del Delta del Po, Comune di Ravenna, Regione Emilia-Romagna. «Purtroppo si sono persi insetti, crostacei, rane. Siamo davanti a una situazione naturale che per mantenere intatte, o a questo punto vedere salvate, le proprie caratteristiche, necessita dell'intervento dell'uomo.  Questi ambienti sono siti di interesse comunitario, giudicati meritevoli di attenzione e cura. Molte condizioni della protezione, in questi ultimi anni, sono venute meno: si rischia di perdere un riconoscimento internazionale prestigioso».
 
 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione