Castel Bolognese, al «Molino Scodellino» si punta  sulle forme del turismo esperienziale

Romagna | 07 Aprile 2019 Cronaca
Birgül Göker - Il Molino Scodellino a Casalecchio di Castel Bolognese entra tra le mete del turismo esperienziale. Si tratta della nuova frontiera di viaggio che coniuga il desiderio dei turisti di tutto il mondo, in cerca di luoghi che trasmettono unicità, autenticità e coinvolgimento. «Il turista di oggi non si limita più ad apprezzare solamente le foto scattate nelle città d’arte ma vuole tornare a casa con un ricordo unico, con un’attività o esperienza che gli ha permesso di conoscere e vivere la tradizione di un paese - spiega Lucia Vignazia, accompagnatrice turistica -. Nel turismo esperienziale la differenza quindi non la fa più tanto la destinazione, quanto le esperienze e le attività offerte dalla struttura. Sono tante le persone che praticano questo tipo di turismo per conoscere la storia di un luogo, la gente che ci vive, le loro tradizioni, i loro prodotti tipici. Ma non stiamo parlando della formula ‘fai da te’. Questi nuovi viaggiatori cercano di sfuggire dai luoghi comuni e dal turismo di massa per rifugiarsi in quel patrimonio fatto di persone, usanze e sapori locali». In effetti il Molino Scodellino, uno dei mulini pubblici più antichi della Regione Emilia Romagna, si apre a questo nuovo trend del turismo esperienziale grazie alla collaborazione di Lucia Vignazia e Giulia Tredozi, le due accompagnatrici turistiche romagnole. «Durante il corso che abbiamo fatto per ottenere il patentino di accompagnatrice turistica - racconta Giulia Tredozi - abbiamo fatto un paio di uscite nelle località presenti nella zona e in una di queste abbiamo visitato il mulino e da lì è nato tutto. Insomma ci è venuta l’idea di proporre questo tipo di turismo». L’intento è quello di offrire un pacchetto di visita pomeridiana su misura al Molino Scodellino ai gruppi di almeno 15 persone, bambini compresi. Sarà un’esperienza breve di 4 o 5 ore ma intensa e verrà svolta nel periodo compreso tra maggio e ottobre.  «Il nostro progetto è quello di coniugare in un viaggio esperienziale al mulino oltre alle bellezze paesaggistiche, attrazioni storiche, la valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti locali – evidenzia Lucia Vignazia -. Le persone che ospiteremo all’interno e all’esterno della struttura chiaramente ascolteranno prima la sua storia, vedranno il canale, i suoi ambienti e le sue macchine antiche, e poi vedranno proprio le fasi della produzione della farina, dalla macinazione a pietra del grano alla produzione della farina e alla preparazione della piadina romagnola. Quindi allestiremo tavole con i mattarelli e gli ingredienti necessari per la piadina e gliela faremo preparare e cuocere. Dopo ci sarà una merenda. Tutti insieme faranno un pic nic nel prato di fronte al mulino e mangeranno le piadine e i prodotti del nostro territorio, quindi affettati, squacquerane, crostate, frutta, vino, olio d’oliva».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione