Basket A2, l'OraSì e Mazzon guardano avanti con fiducia: "Troppe critiche, Marino l'ideale per noi"

Ravenna | 23 Febbraio 2019 Sport
basket-a2-lorasa-e-mazzon-guardano-avanti-con-fiducia-quottroppe-critiche-marino-lideale-per-noiquot
Stefano Pece
Dopo settimane di risultati poco convincenti e critiche sferzanti, l’OraSì vista nel derby con Imola è tornata a farsi apprezzare per il suo gioco di squadra e per la solidità della difesa. L’assalto alla zona playoff è iniziato e l’arrivo di Marino in regia ha generato un entusiasmo che, se veicolato nella maniera giusta, può diventare carburante per queste ultime 8 partite che hanno tutto il sapore di altrettante finali.
Coach Mazzon, finalmente siete usciti dal tunnel.
«Ritengo che alcune critiche che ci sono piovute addosso siano state piuttosto ingenerose perché questi ragazzi hanno sempre dato il massimo. È una delle poche squadre che lavora anche di lunedì, quando quasi tutte le altre invece riposano, e se a volte sbaglia è per eccesso di amore, non per mancanza di impegno. Sono tutti ragazzi sensibili che in alcuni momenti fanno fatica ad accettare l’errore e si demoralizzano, ma tutto quello che fanno lo fanno col cuore».
Era Laganà il problema di questa squadra?
«Nella pallacanestro i capri espiatori sono sempre due, il coach e il playmaker. È un po’ ingiusto, perché il merito e la colpa dovrebbero essere di tutti. Marco voleva dare il massimo, ma a volte le responsabilità che hai sono più grosse delle tue spalle. Non c’è mai stato scarso impegno e ha sempre voluto dare il massimo per la squadra».
Forse la condizione fisica non lo ha aiutato.
«Aveva completamente superato gli infortuni delle stagioni precedenti e in estate ha lavorato tantissimo per arrivare in condizione. Forse, paradossalmente, ha lavorato addirittura troppo, infatti ha cominciato benissimo la stagione ma poi ha rimediato un fortissimo ematoma osseo al tallone che gli ha creato tanti problemi. Una persona normale si sarebbe fermata, ma lui ha continuato a giocare e, quando ha superato anche quel trauma, ormai era entrato in un loop dal quale non è più uscito. Sono dispiaciuto per lui».
Sul mercato è arrivato Tommaso Marino.
«Il mercato degli italiani è assurdo perché se Siena non avesse smantellato la squadra per noi sarebbe stato impossibile prendere Marino. Si tratta di un giocatore che capisce bene il ritmo del gioco e questo può aiutare Adam a migliorare, limitandone la frenesia di fare. Con Imola, per esempio, è stato bravo a rallentare il ritmo quando si è reso necessario. Speriamo di averlo inserito al momento giusto».
Trovato qualche settimana fa aveva individuato la soglia playoff a 30 punti. Significa vincere 5 partite delle 8 che rimangono.
«Non penso alla soglia playoff.,  perché può ancora succedere di tutto. Guardate Cento: ha speso tantissimo in estate e adesso si ritrova ad essere la più seria candidata alla retrocessione. A parte le prime sei, per tutte le altre sarà lotta col coltello tra i denti fino all’ultima giornata».
La prima di queste otto è Mantova che affronterete domenica 24 febbraio (ore 18) fuori casa, una squadra tra l’altro rinforzata al mercato.
«I risultati dicono di sì. Ha battuto Verona, ha vinto di 20 con Udine, non sono cose che accadono per caso. Inoltre ha giocatori di grande esperienza come Raspino, Ghersetti e Vencato, che questo campionato lo conoscono bene, e under del calibro di Maspero che sono un lusso. Ma tutto questo non ci deve interessare, siamo in quella fase della stagione in cui dobbiamo pensare soltanto a noi stessi».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi editoria L. 250/90


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione