Turismo a Ravenna, Città d'arte e lidi per le festività avranno andamento diverso

Romagna | 09 Dicembre 2023 Cronaca
turismo-a-ravenna-citt-darte-e-lidi-per-le-festivit-avranno-andamento-diverso
Elena Nencini
Ok per il ponte dell’8 dicembre in cui le prenotazioni stanno registrando un buon andamento, ma il Natale, complice anche il fatto che quest’anno il 24 cade di domenica, in molti lo passeranno a casa. 
Ottimista l’assessore Andrea Corsini, assessore al Turismo della Regione Emilia-Romagna: «Situazione molto buona in Regione, anche perché ci sono dei numeri importanti per le prenotazioni di Natale ci sono molti alberghi che hanno deciso di rimanere aperti anche grazie al ricco calendario di appuntamenti pensati per le festività, in particolare per  Capodanno. Siamo molto fiduciosi, lo siamo a Rimini ma anche nelle altre località che sarà un Natale molto partecipato, in particolare per il ponte dell’8 ma anche quello a cavallo del 31 dicembre e dell’1 di gennaio, con molti alberghi aperti e un calendario di manifestazioni molto nutrito non solo sulla costa ma anche nell’entroterra. Ci apprestiamo a chiudere un 2023 molto complicato soprattutto nella parte di inizio estate, che si è ripreso alla grande tanto è vero che nei primi dieci mesi dell’anno - adesso vedremo novembre e dicembre - a livello regionale abbiamo quasi un 2% in più rispetto al 2022 con tutto quello che è capitato, in particolare in Romagna, è un risultato insperato, quasi un mezzo miracolo».
Il trend degli ultimi anni è che le prenotazioni sono fatte dagli italiani all’ultimo momento, quindi come sottolinea Monica Ciarapica, presidente Confesercenti provinciale Ravenna,  «Si parte da dopo il 15 dicembre, è ancora presto per capire come sarà la situazione a Natale, certo nella città d’arte va meglio, ma tra i nostri associati molti rimarranno chiusi sui lidi». 

CITTÀ D’ARTE  PIENA PER L’8
NATALE ANCORA IN RITARDO
Molte strutture in città sono legate ad un turismo prettamente estivo, come spiega Paolo D’Achille dell’Autohotel, con 114 camere e circa 228 posti: «D’inverno per noi non c’è movimento, soprattutto dicembre è un mese molto morto. Di solito il turismo per il tipo di pubblico che abbiamo comincia verso Pasqua». 
Spostandoci verso il centro troviamo l’Hotel Centrale Byron, struttura storica della città, che appartiene alla famiglia Fabbri dalla metà degli anni ‘50. A gestirlo, insieme all’hotel Bisanzio acquistato successivamente, è Rinaldo Fabbri, che sottolinea: «In città viviamo alla giornata, con prenotazioni che arrivano all’ultimo momento: a Natale il Bisanzio sarà aperto mentre il Byron sarà chiuso. A Capodanno invece abbiamo già diverse prenotazioni». Il fine settimana dell’Immacolata invece essendo molto più vicino, continua Fabbri: «Dipende dagli anni, quest’anno non c’è male ma niente di eccezionale. Con l’inverno si sta in casa, il fine settimana del 1 novembre non è stato positivo, in altri anni abbiamo fatto il pieno. La gente guarda le previsioni all’ultimo momento, ormai ci siamo abituati».
A tracciare un quadro per le strutture associate a Confesercenti nella città bizantina è Ciarapica: «Su Ravenna ci sono diverse realtà in cui la richiesta è inferiore per Natale, in particolare dal 24 al 27 dicembre, che hanno deciso, quindi, di tenere chiuso e far passare ai dipendenti il Natale in famiglia. Sulla città d’arte il ponte dell’Immacolata invece ha generato una buona richiesta e molti sono al completo. Più che per il Natale in inverno Ravenna attira per i mosaici e per la Trilogia d’autunno».
Pieni per il ponte dell’Immacolata al Grand Hotel Mattei come racconta il titolare Nicola Musca: «Per Natale non abbiamo ancora deciso cosa faremo, dopo il ponte dell’8 faremo i conti e decideremo. Anche se penso che saremo chiusi proprio per i giorni strettamente natalizi, il business è fermo. Ripartiamo dal 27 in poi con un grande gruppo di italiani che arriva e si ferma fino al 2 gennaio: si tratta di un service collegato all’alluvione, per fare beneficenza. Ma non è la prima volta che succede. Abbiamo avuto altri eventi aziendali concentrati su Ravenna proprio per questo motivo. A maggio, nell’immediato  dopo l’alluvione, abbiamo avuto un danno visto che eravamo pieni sia per Omc che per la Formula Uno che sono saltati entrambi, ma adesso stiamo avendo delle ricadute positive con la scelta di realizzare grandi eventi nazionali, come il convegno nazionale di Confcooperative a novembre, e il Meeting europeo di Amnesty international l’anno prossimo». Conclude Musca: «Quest’anno da segnalare sicuramente il ritorno degli americani grazie alle crociere».

CERVIA E MILANO MARITTIMA
TENGONO I 4 E 5 STELLE
Ciarapica, che oltre ad essere presidente Confesercenti provinciale Ravenna, è proprietaria di un albergo a Cervia, l’Hotel Commodore spiega: «Siamo tradizionalmente chiusi d’inverno. Riaprirò a Pasqua, ma ache altri hanno fatto la stessa scelta», e continua: «Sul territorio cervese le strutture aperte sono veramente poche, Natale si tende a essere chiusi e a aprire, al massimo, per Capodanno e cenone. La programmazione del Natale è stata già annunziata e a Milano Marittima sono state inaugurate le decorazioni che speriamo vengano apprezzate».
A credere nelle località del litorale è un turismo a 4 e 5 stelle del gruppo Batani Select Hotels (BSH) che ha diverse strutture aperte tutto l’anno come il Grand Hotel Rimini, il Grand Hotel da Vinci di Cesenatico, l’Aurelia e il Palace Hotel di Milano Marittima aperti anche a Natale. Sono moltissime le proposte sia per soggiorni privati, che per cene degli auguri. A Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Tagliata sono circa 50 le strutture aperte per Natale, molte delle quali sono aperte tutto l’anno. Il gruppo BSH ha dichiarato «Crediamo nella località e per questo gran parte delle cene degli auguri delle imprese del territorio e degli eventi, feste di questo periodo si svolgono negli hotel del Gruppo»
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-turismo-a-ravenna-citt-d-arte-e-lidi-per-le-festivit-avranno-andamento-diverso-n41979 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione