Rimini, omicidio Paganelli: il vicino di casa non zoppicava la mattina del delitto

Romagna | 14 Novembre 2023 Cronaca nera
rimini-omicidio-paganelli-il-vicino-di-casa-non-zoppicava-la-mattina-del-delitto
Proseguono le indagini per stringere il cerchio attorno all'assassino di Pierina Paganelli, la 78enne uccisa con 29 coltellate la sera del 3 ottobre nel garage della palazzina di via del Ciclamino dove abitava. Qualche giorno fa il vicino di casa dell'anziana, il senegalese 33enne Louis Dassilva ha consegnato i vestiti che indossava il giorno dell'omicidio, abiti che in un primo momento non aveva consegnato, volontariamente o per errore. Gli inquirenti hanno, inoltre sequestrato i video della videosorveglianza della farmacia ubicata vicina alla palazzina che hanno ripreso Dassilva camminare normalmente il giorno dell'omicidio di Pierina. L'uomo, ascoltato dalla polizia aveva spiegato che la sera del 3 ottobre, tra le 22 e le 23 quando la vittima veniva uccisa, era rimasto sul divano di casa a guardare un film avendo male ad una gamba e problemi a camminare a seguito di un incidente in moto avvenuto qualche giorno prima. Eppure dai video acquisiti, il 3 ottobre si vede l'uomo che rientra a casa camminando normalmente. Nei giorni successivi, invece, tutti l'hanno notato zoppicare vistosamente. Secondo gli inquirenti i rapporti tra il 33enne e la vicina di casa si erano raffreddati quando la donna era venuta a conoscenza della sua relazione con la nuora, Manuela Bianchi, la prima a scoprire il cadavere dell'anziana, la mattina del 4 ottobre. Anche la Bianchi era in casa la sera dell'omicidio, nella stessa palazzina dove abitavano la vittima e Dassilva ed ha sempre sostenuto di essersi trattenuta a cena con il fratello e la figlia e che nessuno dei tre fosse uscito. Per questo il cellulare della nipote di Pierina è stato sequestrato per analizzare alcune foto che la ragazzina avrebbe scattato alla zio mentre giocava con il cane, attorno alle 23 e verificare l'orario preciso di quegli scatti. Si continua a scavare nella vita della vittima e dei suoi parenti tra i quali potrebbe esserci il killer, anche se formalmente nessuno è stato ancora indagato e sono in corso accertamenti sugli abiti sequestrati ai possibili sospettati dalla Squadra Mobile.
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-rimini-omicidio-paganelli-il-vicino-di-casa-non-zoppicava-la-mattina-del-delitto-n41603 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione