Ravenna, Soprani (Re di Girgenti): «Difficile trovare un affitto in città, in 20 anni abbiamo ospitato 1537 persone»

Romagna | 25 Novembre 2023 Cronaca
ravenna-soprani-re-di-girgenti-difficile-trovare-un-affitto-in-citt-in-20-anni-abbiamo-ospitato-1537-persone
Elena Nencini
Ha compiuto 20 anni il Re di Girgenti, il dormitorio di via Mangagnina, dove tante persone in difficoltà hanno trovato da dormire, cibo e tanto altro per ricominciare. Si tratta di una  struttura di accoglienza sociale per persone a bassa soglia che ha visto 1537 persone passare in questi 20 anni, spiega Carla Soprani, anima del dormitorio e volontaria storica del Comitato cittadino antidroga che racconta la sua esperienza vissuta insieme al marito Gianremo Bassini, scomparso da poco.
Come è cambiato il dormitorio in questi 20 anni?
«Sono cambiate le persone che vivono a Ravenna e quelle che arrivano qui. Una volta dopo 3-4 mesi che i nostri ospiti stavano da noi trovavano una soluzione alternativa, sia lavorativa che abitativa. Adesso invece, dopo il covid, non è più cosi, è difficile per loro trovare un altro alloggio, specie per i ragazzi di colore. I tempi di permanenza si sono allungati». 
Chi sono i vostri ospiti? 
«Sono persone che hanno problemi di salute, una borsa lavoro che non gli permette di trovare casa, immigrati appena arrivati, ma adesso gli italiani superano gli stranieri. Chi non è italiano, specialmente i ragazzi di colore, hanno difficoltà a trovare casa: ieri, un ragazzo di 23 anni mi diceva che quando va a vedere una casa da affittare e lo vedono gli dicono che la casa è stata già affittata. Mi ha detto “Io non sono stupido, ma io pago”. E’ ingiusto, è un ragazzo bravissimo che non ci ha mai dato problemi ed invece è un anno che cerca casa. Un altro, un 18enne, ha trovato anche lui lavoro ma ci ha messo un anno e mezzo a trovare casa. Adesso ha ottenuto il ricongiungimento familiare, ha due bambini, si è anche comprato casa. Ogni tanto ci viene a trovare. Certo ci sarà anche chi non è serio, ma questo succede anche con gli italiani. 
Domenica mattina uno dei ‘nostri ragazzi, io li chiamo così, è venuto a salutarci, molti sono rimasti legati a questo posto. La porta del Re di Girgenti è sempre aperta. È una situazione che incancrenisce non potere trovare un alloggio».
Quanti posti letto avete?
«21 posti letto, abbiamo anche tre donne, una di loro aveva un contratto per l’agricoltura, ma dopo l’alluvione è stata una delle prime a rimanere a casa, sperava di potere andare via, ma per il momento non se ne parla. Oltre al dormitorio abbiamo il servizio docce e la cena da asporto. 
Ogni giorno vengono a fare dalle 7 alle 10 docce serali, per fortuna c’è anche Santa Teresa che offre questo servizio. Le cene sono aumentate da 30 a 40. 
Una volta gli ospiti erano in transito, questi invece hanno più difficoltà. Inoltre forniamo anche i pacchi alimentari, un altro genere in aumento, si vede che sono finiti i soldi della stagione estiva e fanno fatica ad arrivare alla fine del mese. 
Ogni settimana facciamo tre distribuzioni per un totale di circa 50 famiglie, con nuclei anche di 5-6 persone. Le persone bisognose ci sono segnalate dai Servizi sociali. L’aumento dei prezzi che si è verificato quest’anno è vergognoso, c’è stato un incremento del 20-25% dei prezzi. Non si capisce un aumento tale, dai contenitori per il cibo, alla carta igienica ai rotoli di scottex, per non parlare della frutta e verdura». 
Quante persone sono state ospitate al dormitorio in questi 20 anni?
«1537, non avevo mai fatto i conti prima, ho calcolato anche i pernottamenti, i primi dieci anni non li segnavamo nemmeno, adesso li ho contati sono oltre 66mila notti. Sono gli stessi numeri di altre strutture come la nostra». 
E’ cambiata l’età di chi viene?
«I nostri ospiti sono spesso anzianotti, ma abbiamo anche giovani dai 18 ai 27 anni, tutti con un lavoro».
Chi vi aiuta economicamente?
«Abbiamo una convenzione con il Comune di Ravenna biennale, rinnovabile per l’anno successivo. A questo si aggiunge il Banco alimentare, i supermercati che ci regalano i prodotti in scadenza, ma ci vuole qualcuno che vada con un pulmino a ritirare i beni di consumo, dalla carta igienica ai detersivi. Per fortuna ci sono i volontari che ci aiutano, da quelli che distribuiscono i prodotti a chi si occupa della cena, della accoglienza, a chi segue la parte amministrativa, in tutto saranno 15-16 persone». 
Come siete organizzati per la gestione della struttura e delle pulizie quotidiane?
«Tutti gli ospiti della struttura, soprattutto quelli che non hanno occupazione, partecipano in maniera attiva come volontari facendosi carico delle pulizie, della preparazione della cena e della manutenzione dello stabile. Ognuno  è invitato a fare qualcosa per rendersi utili».
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-ravenna-soprani-re-di-girgenti-difficile-trovare-un-affitto-in-citt-in-20-anni-abbiamo-ospitato-1537-persone-n41758 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione