Faenza, con la Cena Itinerante del venerdì si apre un week-end ricco di gusto, arte e socialità

Romagna | 01 Settembre 2023 Cronaca
faenza-con-la-cena-itinerante-del-venerd-si-apre-un-week-end-ricco-di-gusto-arte-e-socialit
Riccardo Isola - «Eccoci qua, dopo una estate complicata e impegnativa, siamo pronti a dare un segnale di ripartenza del nostro quartiere, ancora provato dall’alluvione di maggio. Siamo consapevoli che non sarà una Cena Itinerante classica, l’umore, le forze e la visione non sono le stesse delle edizioni precedenti, ma siamo convinti che questo sforzo possa giovare a tutti quelli che parteciperanno a questa ripartenza. Crediamo che attraverso il cibo, il vino, l’arte e la convivialità si possano mettere la basi per un nuovo inizio. Settembre, per la città, è da sempre un mese di ripartenza, riaprono le scuole, ricominciano i corsi, la attività sportive e tanto altro, con questo 1 settembre vogliamo inaugurare un avvio con tutte le migliori intenzioni, quindi chiediamo a tutti di Passare di qua per un brindisi, un sorriso o un abbraccio, cose di cui abbiamo un gran bisogno». Così, Gian Maria Manuzzi, uno degli storici fondatori dell’associazione che nell’era post Dalpanina ha dato motore e benzina alla vitalità del centro faentino, commenta l’arrivo dell’edizione 2023 della Cena Itinerante.

EVENTO RIMANDATO A MAGGIO
Evento che si sarebbe dovuto tenere dal 19 al 21 maggio ma che per ovvie ragioni era impossibile, e non plausibile, fare. Ora però è arrivato il tempo di continuare, sulla scia della determinazione di Valter, ad alimentare il fermento creativo manfredo. Adesso la decisione di mettersi di nuovo in gioco. E così in questo week-end il centro storico di Faenza sarà in fermento, sia artistico che culinario ed enogastronomico, grazie alla compresenza di due delle manifestazioni più seguite, amate e dal richiamo extra locale che il cartellone manfredo mette in campo: la Cena Itinerante e Made in Italy.

LA CENA
Il programma della cena e del week-end itinerante sarà però rivisto rispetto all’originale perché «pur avendo bisogno dell’energia che si crea quando nel distretto si incontrano le menti, le persone, le idee e le volontà del facciamolo» l’esigenza condivisa è stata quella di «rimodulare gli spazi, ricreare connessioni, ritornare a camminare nelle strade che da maggio hanno quel colore lì, riaprendo le porte di case private, studi tecnici o di artisti per ospitare le proposte di ristoranti, birrifici e cantine provenienti da tutta la regione». Ben 40 punti diversi del Distretto saranno animati da oltre 70 proposte fra ristoranti, birrifici e cantine, provenienti da tutta la regione. Ai fornelli oltre ai super confermati La Baita e O’ Fiore Mio di Faenza ci saranno anche new entry di altissimo livello come la Franceschetta, l’osteria modenese di Bottura, l’Osteria Tera di Sogliano, e Terre Giunchi che porterà il progetto Imbrunire nel giardino del Rione Nero. A questa selezione si affianca quella di cantine, birrifici e cocktail bar. Non mancheranno, seppur a pochi giorni dall’inizio della vendemmia, i produttori di vino come Leone Conti, Noelia Ricci, Mutiliana, Ottaviani, Ca’ di Sopra solo per citarne alcuni. Come sempre il format prevede l’ingresso libero con utilizzo di un braccialetto-pass da 10 euro che include anche il bicchiere, la taschina e un calice di vino offerto dagli organizzatori. Questo kit si ritira negli info-point.

SABATO E DOMENICA
Il sabato spazio all’arte e alla creatività con un ricco programma di visite e momenti d’approfondimento ad alta densità artistica con l’apertura degli atelier e con alcuni laboratori. La serata si apre alle 18 nei Giardini di Piazza San Francesco per l’inaugurazione dell’opera «Baby Band» e l’intitolazione del Parco Giochi a Valter Dal Pane. Domenica 3 settembre dalle 9.30 si potrà fare colazione, by Frankie Bar nella Sala della Lirica di Quazàr coworking, scoprendo piccoli tesori in una visita guidata da Martino Neri. Altri punti da scoprire saranno lo studio fotografico di Raffaele Tassinari e la mostra «Dove abita l’uomo: luoghi, relazioni, intrecci» a cura del Museo Diocesano di Faenza. Il tutto arricchito dall’offerta di Made in Italy.
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-faenza-con-la-cena-itinerante-del-venerdi-si-apre-un-week-end-ricco-di-gusto-arte-e-socialit-n40313 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione