Faenza, Chiara Venturi (Confesercenti): «Sirio non è un’ipotesi che possiamo considerare»

Romagna | 02 Febbraio 2019 Cronaca
faenza-chiara-venturi-confesercenti-sirio-non--unipotesi-che-possiamo-considerare
«Ragionare sull’installazione di telecamere per il controllo del traffico in ingresso alla Ztl in centro storico dimostra come il Piano sosta, in vigore dal 2012, ad oggi alla fine non ha funzionato nella sua essenza di limitare sia la sosta lunga sia i comportamenti non consoni del traffico in centro. Se è così, l’amministrazione comunale invece che puntare a nuove barriere per la fruibilità ripensi e rimoduli il Piano sosta». Così Chiara Venturi, referente di Confesercenti Faenza commenta l’ipotesi che l’amministrazione comunale avrebbe in mente: inserire telecamere per controllare e quindi sanzionare il transito nella Zona a traffico limitato.
«Parallelamente - aggiunge la Venturi - stiamo ancora aspettando, dopo otto mesi, che palazzo Manfredi ci chiami ufficialmente per iniziare a discutere assieme il Pums. Viste le informazioni che stanno circolando crediamo proprio che ci sia bisogno di un confrtonto suille linee guida e sui contenuti di quel documento. Il centro storico faentino - aggiunge - ha bisogno di essere sostenuto, incentivato alla vitalità non limitato e allontanato dall’appeal dei cittadini. Per questo - ribatte - Sirio e qualsiasi altra tecnologia di questa fattispecie è per noi una scelta deleteria per il commercio, per la vitalità e la fruizione del cuore urbano faentino».
Sulla questione sicurezza la Venturi non sembra essere in accordo con le denuncie e le preoccupazioni evidenziate dalle associazioni ambientaliste. «Ok le esigenze ambientali, le questioni sull’inquinamento ma non è che tutti adesso per potersi definire cittadini responsabili e attenti debbano andare in bici o a piedi. Ci sono esigenze diverse, da quelle delle attività commercilai presenti ad altre, che non possono non essere prese in considerazione in modo ponderato e razionale. Per tutto questo diciamo no a scelte non condivise con la città». (r.iso.)
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-faenza-chiara-venturi-confesercenti-sirio-non-e-unipotesi-che-possiamo-considerare-n19675 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione