Faenza, alla Torre di Oriolo domenica 26 febbraio si accende l'antico rito dei Lumi di marzo

Romagna | 21 Febbraio 2023 Le vie del gusto
faenza-alla-torre-di-oriolo-domenica-26-febbraio-si-accende-lantico-rito-dei-lumi-di-marzo
E’ la mezzadria, una lunga storia di gente comune, il filo conduttore dell’edizione 2023 dei Lòm a Mêrz, la festa popolare con cui, sotto la preziosa egida del gruppo “Il lavoro dei contadini”, la Romagna saluta l’arrivo della primavera. Come da tradizione domenica 26 febbraio gli antichi riti agresti, la natura e i sapori tipici del territorio saranno protagonisti alla Torre di Oriolo di Faenza con una giornata dedicata alle tradizioni più autentiche della campagna faentina.  
 
Alle ore 10.45 si apriranno le porte del parco panoramico ai piedi del fortilizio medievale, dove dalle ore 12 sarà attivo un punto ristoro che proporrà per tutta la giornata specialità della tradizione romagnola a base dei prodotti delle aziende agricole di Oriolo. Nella vicina oasi del gusto i visitatori potranno trovare vini, succhi di frutta, confetture, farine di grani antichi, olio, formaggi e altre golosità locali in degustazione e in vendita.
 
Alle ore 14 la natura che si risveglia sarà al centro della passeggiata Le erbe di Oriolo a cura di Luciana Mazzotti. Camminando lungo il Sentiero dell’Amore si imparerà a riconoscere le erbe spontanee di stagione e il loro possibile utilizzo nella vita di ogni giorno. Alla stessa ora partiranno i giochi popolari della tradizione romagnola adatti a tutta la famiglia, mentre per l’intera giornata si potranno visitare le mostre e gli allestimenti della tradizione ospitati all’interno della Torre.
 
Sempre dalle ore 14 fino alle 16.30 sarà possibile ammirare le dolci colline di Oriolo alla moda di una volta, con un affascinante giro in carrozza trainata dai cavalli.
 
Ad allietare il pomeriggio di grandi e piccini sarà la musica a cura di Fola Balarèna: spazio a brani tradizionali romagnoli, suonati mantenendone la struttura originale antica e che ben si adatta ai balli, anch’essi tradizionali, che si svolgevano nei tempi passati nelle aie delle case contadine. La scuola di ballo sarà a cura dei musici.
 
L’atmosfera magica dei Lòm a Mêrz inizierà a riempire l’aria alle ore 17.45 con il calar del sole; alle ore 18 sarà acceso il grande falò nel quale saranno bruciati simbolicamente, insieme a rami secchi e resti delle potature, i freddi e le fatiche dell’inverno, invocando con il tradizionale scongiuro propiziatorio una primavera benevola per la campagna. Attorno al fuoco andranno in scena canti e balli della tradizione romagnola.
 
La manifestazione si concluderà alle ore 23. In caso di maltempo l’evento sarà replicato domenica 5 marzo con lo stesso programma.
 
 
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-faenza-alla-torre-di-oriolo-domenica-26-febbraio-si-accende-l-antico-rito-dei-lumi-di-marzo-n37505 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione