Da Faenza la richiesta del gruppo Mirabal di cessate il fuoco a Gaza

Romagna | 06 Gennaio 2024 Mappamondo
da-faenza-la-richiesta-del-gruppo-mirabal-di-cessate-il-fuoco-a-gaza
A Faenza il gruppo di attivisti Spazi Mirabal in campo contro la guerra a Gaza. "Come gruppo di persone impegnate nella lotta al razzismo abbiamo organizzato un’azione di protesta pacifica a Faenza nella serata del 5 gennaio, durante la Nott de Bisò. Contestiamo il rogo del fantoccio che raffigura un uomo nero (il "Niballo”, cioè Annibale), chiamato saraceno - che rimanda al mondo arabo e musulmano. Quest'anno abbiamo deciso di portare l'attenzione sul razzismo insito a questo evento e sul genocidio in Palestina, con l'obiettivo di far riflettere sull’immaginario collettivo e per poterlo cambiare in futuro, magari già dal prossimo anno. Attraverso la nostra azione chiediamo alla cittadinanza di interrogarsi sull’attualità e la validità di questa rappresentazione e, in particolare, del razzismo di cui questa giovane tradizione è intrisa. L’immaginario crea la cultura e per una cultura di pace crediamo che questo evento debba trasformarsi in qualcos’altro. Abbiamo esposto la poesia "If I must die" di Refaat Alareer, giovane poeta e letterato palestinese morto il 6 dicembre 2023 sotto le bombe israeliane. Abbiamo aperto un grande striscione con la scritta «Cessate il fuoco! Il mondo arabo è in fiamme!», lo abbiamo portato accanto al rogo. Il tentativo di esporlo dalla balconata del Comune è stato interrotto però dalle forze dell’ordine che hanno impedito l’accesso a due persone di spazi_mirabal con aggressività, fino all’intervento dell’assessore alla sicurezza che ha invece scelto di confrontarsi.Non dimentichiamo che, mentre la cittadinanza festeggia attorno alle fiamme, in Palestina continuano incessentemente i bombardamenti sulla popolazione civile. Dopo 90 giorni e oltre 22 mila morti, durante i quali il governo italiano ha dato supporto a Israele e astensione sulla risoluzione per il cessate il fuoco, queste fiamme non possono non apparire come segno di profonda insensibilità. La nostra critica si rivolge al modo in cui usufruiamo della “tradizione” e alla totale assenza di ragionamento intorno a questo simbolo. La nostra critica non è rivolta alla festa della Nott de Bisò in sé, che può ancora essere un rituale collettivo per fare comunità. Ma la collettività oggi non è quella del 1964: riteniamo che il rogo di una "simbolica persona nera" escluda dalla comunità tutte le persone nere, le persone di origine araba o di fede musulmana, che in quell’immagine trovano una rappresentazione stilizzata e parodica di sé stesse, relegate al ruolo di “nemico” da bruciare, soprattutto in un contesto di razzismo sistemico come quello italiano".
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-da-faenza-la-richiesta-del-gruppo-mirabal-di-cessate-il-fuoco-a-gaza-n42406 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione