Ravenna, Elly Schlein: Pd partito plurale, aperto; pronti alla mobilitazione contro il governo Meloni

Emilia Romagna | 10 Settembre 2023 Politica
ravenna-elly-schlein-pd-partito-plurale-aperto-pronti-alla-mobilitazione-contro-il-governo-meloni
Manuel Poletti - "Il Pd è un partito plurale, aperto, vogliamoci più bene, ascoltiamoci di più. In autunno dobbiamo essere pronti ad una grande mobilitazione contro le politiche del governo di centrodestra, che sta indebolendo la sanità e la scuola pubblica e che non fa nulla contro il precariato sul lavoro".
Davanti ad oltre mille appassionati accorsi alla Festa nazionale dell'Unita' a Ravenna, la segretaria nazionale del Pd Elly Schlein lancia le nuove sfide dei Democratici con un discorso di oltre un ora, spesso interrotto dagli applausi dei presenti, prima della conclusione della Festa.
"Abbiamo deciso di fare a Ravenna la festa nazionale per stare vicini ai territori colpiti dall'alluvione e non consentiremo di spegnere i riflettori: incredibile non sia arrivato nelle tasche delle persone neanche un euro di ristori» ha attaccato all'inizio la segretaria Pd, che poi ha smorzato i toni della polemica interna dopo l'uscita di un gruppo di dirigenti liguri dell'area moderata.
«L'ambizione del Pd è non solo unire storie e culture diverse», ha proseguito, «ma anche immaginare un progetto nuovo, un partito strutturato più a rete che a piramide, con i circoli che sono antenne. Un partito che spalanca le finestre e le porte, dove non ci si trova per stabilire rapporti di forza. Tutti insieme siamo la forza del Pd, nessuno escluso».
Un passaggio importante nel prima parte del discorso è stato dedicato alla guerra in Ucraina. «Il Pd sostiene convintamente il popolo ucraino nel suo diritto all'autodifesa, non possiamo accettare l'invasione criminale di Putin - ha sottolineato Schlein -. Al contempo continuiamo a chiedere all'Ue uno sforzo diplomatico e politico, per una pace giusta. Abbiamo accolto con grande speranza il tentativo di Papa Francesco e del cardinale Zuppi».
E poi elencando gli errori del governo Meloni, la Schlein ha sottolineato come «Dopo l'estate militante non ci riposeremo, ci attende un autunno di impegni e partecipazione, il Pd è pronto a scendere in piazza per una grande mobilitazione nazionale, è il nostro tempo, riprendiamoci il nostro futuro».
Ancora applausi per la Schlein quando ricorda il lavoro svolto dal ministro Speranza: «La sanità deve essere pubblica e universalistica. Voglio ringraziare Roberto Speranza per quanto ha fatto. Al Governo Meloni è bastato un anno per invertire il trend degli investimenti sul Ssn. Non è accettabile che ci si trovi a sperare che la malattia corra più lentamente di una lista di attesa» ha sottolineato la segretaria del Pd.
Poi le sfide del mercato del lavoro cambiato molto negli ultimi 15 anni. «Il lavoro si è profondamente modificato. E' il tempo di scrivere le nuove tutele del lavoro. Non è accettabile che ci siano lavori che 15 anni fa non esistevano, senza alcuna tutela» ha chiarito la Schlein.
Nel corso del lungo discorso è arrivata la difesa del lavoro del Commissario europeo Gentiloni, dopo gli attacchi della destra. «A Paolo Gentiloni va tutta la nostra gratitudine per il servizio che sta svolgendo e, di fronte agli attacchi scomposti di un Governo che tenta di celare la sua incapacità di dare risposte economiche e sociali, ricordiamo che da un lato c'è chi ha contribuito a far avere all'Italia 750 miliardi dalle istituzioni comunitarie e dall'altro chi rischia di farci perdere questa occasione storica. Abbiamo bisogno di continuare ad avere il margine finanziario per investire, non si torni all'errore dell'austerità che tanto ha fatto male all'Italia e all'Europa, il governo faccia questa battaglia a Bruxelles, noi ci saremo» ha sottolineato ancora la Schlein.
Prima di concludere la commozione per l'amica scrittrice da poco scomparsa Michela Murgia. «Come diceva un'amica scrittrice 'se serve solo a te non è femminismo'. Non ci serve una premier donna se non si batte per migliorare le condizioni di vita di tutte le donne di questo Paese». Applausi.
Durante il discorso la segretaria Schlein cita Berlinguer, Veltroni, Prodi, Langer, fa gli auguri a Liliana Segre, ed infine chiude con un pensiero di Aldo Moro ed un ringraziamento al lavoro fondamentale come garante della Costituzione svolto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ovazione finale, ma vedremo quanto durerà l'effetto Ravenna dentro al Pd.





 
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-emilia-romagna-ravenna-elly-schlein-pd-partito-plurale-aperto-pronti-alla-mobilitazione-contro-il-governo-meloni-n40516 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione