Asili nido, un tetto alle rette dopo le polemiche, saranno al massimo di 500 euro

Faenza | 01 Agosto 2015 Cronaca
asili-nido-un-tetto-alle-rette-dopo-le-polemiche-saranno-al-massimo-di-500-euro
Nidi, la riduzione delle rette ha avuto l’effetto sperato. Sono state 26 le famiglie che hanno fatto domanda per l’iscrizione ai nidi convenzionati dopo la riapertura dei termini, a fine maggio scorso. L’amministrazione era dovuta correre ai ripari perché con il calo delle iscrizioni registrato quest’anno (207 a metà maggio, il 20% in meno dell’anno scorso) probabilmente dovuta alla crisi e alla mancanza di lavoro, il rischio concreto era quello di non coprire tutti i posti in convenzione, con un notevole danno economico per le casse comunali. Per questo, a fine maggio, si è deciso di riaprire i termini delle iscrizioni e abbassare drasticamente le rette, con la massima che da 630 euro è passata a 500 euro. E i risultati sono arrivati: «Attualmente  - spiega il neo-assessore all’Istruzione Simona Sangiorgi -. I 28 posti ancora liberi presumibilmente saranno coperti dalle 26 nuove domande arrivate entro l’ultima scadenza del 20 luglio e dalle 12 famiglie di lattanti che hanno fatto richiesta del servizio: è possibile che qualcuno di questi poi si ritiri, come succede ogni anno, ma nel complesso la situazione è in equilibrio, niente liste d’attesa né posti vuoti». Una situazione impensabile, però, fino a qualche anno fa, quando in lista, a questo punto dell’anno, c’erano una cinquantina di famiglie. Nel frattempo, però, il Comune ha rimesso mano sia al regolamento che alla rimodulazione del sistema tariffario, alzando le rette massime. Una scelta sbagliata, alla luce dei dati delle iscrizione 2015? «Non posso dire questo – spiega l’assessore -: il Comune si è trovato quattro anni fa a dover far quadrare i conti a partire da costi dei servizi per l’infanzia che per un singolo bambino si aggirano sui 9mila euro l’anno. E’ stata una scelta necessaria allora, ma oggi pensiamo che quello dei nidi sia un servizio da agevolare». Già, ma come? Innanzitutto la Sangiorgi assicura che non si tornerà ai livelli tariffari previsti inizialmente per quest’anno, ma la retta massima sarà fissata a 500 euro anche per l’anno scolastico 2016-2017: «La retta media per quest’anno scolastico è di 270 euro – anticipa l’assessore - per valutare eventuali ulteriori riduzioni dovremo prima verificare gli effetti del nuovo Isee sula loro determinazione». Saranno poi confermate le agevolazioni per chi perde il lavoro come la possibilità di presentare un’«Isee corrente», per determinare la retta sull’attuale reddito della famiglia e non si quello dell’anno precedente. Ma soprattutto il neo assessore punta a un servizio più flessibile in termini di orari: «A metà 2016 dovremo ridiscutere le convenzioni con i privati che gestiscono i nidi – anticipa– e tenterà di introdurre nuove formule, come ad esempio un servizio pomeridiano, per andare in contro alle esigenze delle famiglie di oggi, nel rispetto naturalmente dei tempi e delle esigenze dei più piccoli». Tra le novità da introdurre, secondo l’assessore, potrebbe esserci anche l’aumento del numero dei part-time sempre più richiesti dalle famiglie proprio per ridurre il peso della retta sul budget familiare. (Daniela Verlicchi)
 
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it n9207-asili-nido-un-tetto-alle-rette-dopo-le-polemiche-saranno-al-massimo-di-500-euro 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione