Raffaele Gordini, presidente Confcooperative: «Dimensione romagnola, Alleanza e lotta alle false coop»

22 Novembre 2014 Blog Settesere
raffaele-gordini-presidente-confcooperative-dimensione-romagnola-alleanza-e-lotta-alle-false-coop
«Avanti con Confcooperative Romagna in tempi brevi, poi dal 2017 avremo una centrale unica dell’Alleanza. Questi passaggi permetteranno di valorizzare al massimo le nostre imprese. Nel 2014 c’è una tenuta e le difficoltà continuiamo ad affrontarle come sistema con spirito mutualistico. Per il futuro sono fondamentali l’alta formazione e la lotta alle false cooperative a favore della legalità». E’ un Raffaele Gordini deciso quello che detta tempi e modi per far fare uno scatto in avanti alla cooperazione targata Confcooperative.
Presidente Gordini, all’assemblea annuale ha sottolineato l’urgenza di arrivare ad una dimensione romagnola. Perché?
«E’ la dimensione naturale: la Romagna non ha grandi differenze territoriali, ma ha aspetti economici e culturali comuni che insieme sarebbero maggiormente valorizzati. Con questo percorso comune riusciremmo a spendere meglio le professionalità delle nostre cooperative e risponderemmo meglio ai bisogni del territorio. Poi in vista dell’Alleanza è quella la dimensione territoriale più logica».
Qual è l’orizzonte per avere un’Aci operativa?
«Il 1° gennaio 2017 la nuova centrale deve essere funzionante: è quanto abbiamo ribadito anche nei giorni scorsi sia a livello regionale che nazionale. L’Alleanza delle cooperative italiane Romagna dovrà essere operativa per quella data, quindi servono rapidamente percorsi, confronti e passaggi comuni».
E’ una sfida ambiziosa. Come vede l’elezione di Ruenza Santandrea alla guida di Legacoop Romagna?
«Assolutamente positiva: la conosco da anni e ha governato bene l’azienda che guida. Inoltre la squadra attorno è formata da altri cooperatori eccellenti: Luca Panzavolta di Cia-Conad, Massimo Matteucci di Cmc e Giampiero Boschetti della Cooperativa braccianti riminese. Anche il fatto di avere una persona proveniente dal mondo dell’impresa è un passo importante verso una rappresentanza unica».
Un punto su cui ha insistito durante l’assemblea annuale è stata la formazione dei quadri dirigenti.
«La logica cooperativa non è uguale a quella di un’impresa privata. Ci sono i principi economici che sono uguali per tutti, ma le ricadute sono diverse. Il socio lavoratore nella produzione lavoro o il socio conferitore nelle coop. agricole devono sentire come proprio l’aspetto sociale e non solo quello economico. Per questo è importante avere dirigenti adeguati e che conoscano le peculiarità del movimento. Abbiamo aperto una scuola di alta formazione per dirigenti cooperativi nella quale abbiniamo anche un percorso di formazione politico-culturale: il futuro vedrà un contesto di sempre maggiore competizione e dovremo essere pronti».
Qual è l’andamento delle cooperative associate a Confcooperative in questo 2014?
«Qualche problema in alcune imprese c’è, ma sostanzialmente c’è una tenuta e questo è sicuramente un aspetto positivo dato il contesto economico generale attuale. Affrontiamo le difficoltà delle imprese vitali ma in crisi come sistema, in quanto l’aspetto mutualistico è proprio della nostra identità. Siamo molto attenti alle gestioni che devono essere sempre trasparenti perché rappresentiamo delle basi sociali. La cooperazione è un sistema che ha prodotto in Emilia Romagna un benessere diffuso. Anche se in alcuni settori c’è grande crisi, sono sicuro che si troveranno i modi di superarla. In alcuni casi, come nel mondo delle costruzioni, nel sistema cooperativo c’è bisogno di profondi cambiamenti: si dovrà essere bravi a coglierli».
Una battaglia importante che vi vede impegnati è quella per la legalità contro le coop. spurie. Cosa serve per essere più incisivi?
«Innanzitutto preferisco il termine false cooperative, perché di questo si tratta. Sono soggetti giuridici costruiti a tavolino, non aderenti a nessuna delle tre centrali che applicano contratti di lavoro fatti con delle sigle inventate ad hoc, hanno tariffe penalizzanti per i lavoratori e permettono ribassi tariffari impraticabili per chi rispetta la legalità. Servono maggiori controlli e un aiuto da parte dei legislatori che devono prevedere anche regole più stringenti. Nessuna delle centrali aderenti all’Aci sarà mai disponibile ad accogliere queste realtà».

Christian Fossi
economia@settesere.it

Foto di Raffaele Tassinari

Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it n6987-raffaele-gordini-presidente-confcooperative-dimensione-romagnola-alleanza-e-lotta-alle-false-coop 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione