Riolo, il presidente Patuelli riceverà «Un va a zezz» sabato 14

Faenza | 13 Dicembre 2013 Cronaca
riolo-il-presidente-patuelli-ricever-un-va-a-zezz-sabato-14
Milena Gabanelli, Emilio Giannelli, Fabrizio Gatti, Mario Calabresi e la mamma Gemma Capra, Ilaria Borletti Buitoni, Massimo Cirri e Laura Boldrini. Sono questi i nomi che hanno ricevuto il riconoscimento «Un va a zezz» (espressione dialettale che tradotta in italiano significa «Non se ne disinteressa») organizzato dall’Avis di Riolo Terme (in collaborazione con l’Istituto alberghiero, la Pro loco e il Comune) che sabato 14 dicembre (alle 12.30) verrà consegnato durante un pranzo di beneficenza presso i laboratori dell’Ipssar «P. Artusi» di Riolo Terme, ad Antonio Patuelli. Ravennate, 62 anni, è attuale presidente dell’Associazione Bancaria Italiana (Abi) e della Cassa di Risparmio di Ravenna.
«Il tutto nacque per scherzo nel 2005, quando durante una cena dell’Avis demmo allo storico presidente riolese Rodolfo Tagliaferri questo riconoscimento per sottolineare le sue doti umane e la sua innata propensione ad interessarsi dei problemi degli altri - ripercorre l’organizzatore Angelo Muccinelli -. L’anno dopo volevamo dare continuità al premio e la Gabanelli passava quasi tutto il mese di luglio in città. Tutte le mattine veniva a comprare il giornale da me, le spiegammo la cosa e lei rispose che se ‘un va a zezz’ voleva dire interessarsi dei problemi era felice di ricevere il riconoscimento, purché senza cerimonie in pompa magna e rispettammo la sua richiesta».
Ogni anno «abbiamo aggiunto un tassello e quest’anno abbiamo scelto Patuelli - continua Muccinelli -. Si tratta di un liberale vero, molto diverso da quelli proposti al Paese in questi ultimi 20 anni che ci dicono che i valori sono i soldi facili. Mentre altri presunti liberali facevano festini, lui ha scritto 6-7 libri dedicati a Cavour, all’antifascismo liberale, alle sfide europee e altri temi importanti. In tutti questi anni che ha avuto a che fare col potere, da politico prima e da banchiere poi, è sempre rimasto pulito e la sua onestà non è mai stata messa nemmeno in discussione».
Da queste parole è facile capire che la presidenza dell’Abi ottenuta nel 2013 incide marginalmente nella scelta. «Si tratta di un riconoscimento alla persona per il lavoro che svolge e come lo svolge - conferma Muccinelli -, non alla carica che ricopre. Quando iniziammo questo riconoscimento non avremmo mai creduto di poterlo consegnare a queste personalità. Ci fa grande piacere vedere che è stata compresa la natura di Un va a zezz: valorizzare le persone per quello che valgono». (c.f.)

Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it n3732-riolo-il-presidente-patuelli-ricever-un-va-a-zezz-sabato-14 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione