Confindustria Romagna, cresce il fatturato interno, cala quello estero

Romagna | 12 Ottobre 2017 Economia


Elena Nencini- E’ positivo il bilancio del presidente di Confindustria Romagna Paolo Maggioli che ha introdotto l’indagine congiunturale relativa al primo semestre avanzando le previsioni per il secondo per Area vasta, che ha unito da circa un anno Rimini e Ravenna in un unico comprensorio.
Dati simili quelli che emergono dalle due città, anche se ognuna mantiene le sue caratteristiche: «a Rimini infatti sta crescendo il food – sottolinea Maggioli – mentre Ravenna è legata alle fluttuazioni dell'oil&gas. E' un grande vantaggio per il territorio un portafoglio diversificato».
In Area vasta il consuntivo del primo semestre rileva un 6,2% del fatturato totale, un 2,9% della produzione e un 6,1% dell’occupazione. Gli investimenti segnano un 4,3%. Nelle previsioni produzione e ordini sono percepiti come stazionari rispettivamente per il 47,2% e per il 51% degli imprenditori. Per gli investimenti solo il 9,2% dichiara di non prevederli in netta diminuzione con la percentuale dello scorso anno.
A Ravenna la situazione è abbastanza simile: per il primo semestre fatturato totale: +10% (fatturato interno +14,8%, fatturato estero + 2,9%, dati che dimostrano l’inversione di tendenza attuale rispetto agli anni precedenti in cui l’estero era trainante rispetto al fatturato interno.
Per quanto riguarda l'andamento dei settori i migliori risultati sono per Salute, produzione +23,8%, fatturato +12,6% ed occupazione +9,9% e Servizi (produzione +15,1%, fatturato +17,8% ed occupazione +13,2%).
Mentre il settore più in difficoltà è il metalmeccanico con un fatturato -4,3% (interno +19%, estero -21%), produzione +2,4%, occupazione + 1%.
«Le previsioni sono sostanzialmente positive», secondo Marco Chimenti, direttore di Confindustria Romagna, con un aumento della produzione e una certa stazionarietà per gli ordini.
Per quanto riguarda gli investimenti le aziende pensano di puntare su linee di produzione, formazione, Ict, ricerca e sviluppo, cioè sulle attività che portano valore aggiunto alle imprese.
Infine interessante il dato per cui il ricorso alla cassa integrazione è escluso dal 90% delle aziende ravennati.



 
CONDIVIDI
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Follow Us
   
Redazione di Faenza

via Zanelli, 8
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544 1880790
Faenza - tel. 0546 20535
E-mail: pubblicita@settesere.it
Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione