Paolo Poli omaggia Pascoli venerdì 20 a Cervia

Cervia | 19 Dicembre 2013 Cultura
paolo-poli-omaggia-pascoli-venerd-20-a-cervia
Federico Savini
Data la stagione, probabilmente non sarà proprio «solatìa» la Romagna che accoglierà Paolo Poli nel suo omaggio teatrale a Giovanni. Il grande attore e regista porterà sul palcoscenico del teatro di Cervia, giovedì 19 e venerdì 20 alle 21, lo spettacolo Aquiloni, un irriverente tributo al poeta di San Mauro, accompagnato in scena da quattro attori e cantanti, oltre che da scene e costumi che ricreeranno, secondo lo stile filologico ma al tempo stesso eccessivo di Poli, il clima dell’epoca pascoliana e dell’influenza che il poeta ha esercitato sulla cultura italiana della prima metà del ‘900. «Sono tornato a visitare Pascoli in vecchiaia dopo averne consumato dosi massicce in gioventù – attacca Poli, con il suo eloquio inconfondibile -, d’altra parte sono affezionato a Pascoli perché recitarlo in pubblico, da bambino, rappresentò per me la prima occasione per qualche applauso. Pascoli era studiatissimo a scuola, soprattutto con le Myricae, perché era osannato da Benedetto Croce. A dire il vero, però, per questo spettacolo ho voluto riscoprire un altro Pascoli»
Quale di preciso?
«Non quello privato, con i contorni delittuosi della sua vicenda personale. Mi interessa il Pascoli che fu pioniere del plurilinguismo, ma anche il Pascoli dei poemetti e delle liriche più famose, il Pascoli che parlava di emigrazione e usava dialettismi e lingue straniere storpiate. Sono molto legato anche al Pascoli che elogiava gli strumenti agricoli e il mondo contadino dell’Italia di allora, il poeta ammirato da Mussolini che non perdeva occasione per mettersi a pancia nuda a tagliare il grano. E’ un mondo contadino a cui sono legato personalmente, anche perché durante la guerra furono proprio dei contadini a ospitarmi e salvarmi. Nell’Italia di allora la povertà era considerata una cosa buona: si diceva che l’italiano era sobrio, mangiava una volta al giorno contro i cinque pasti degli “orchi” inglesi. Prima ancora dei futuristi poi Pascoli inserì i versi degli animali nella poesia».
Pensa che la sovraesposizione scolastica abbia fatto del male a Pascoli?
«Alla lunga sicuramente sì, e buona parte della colpa fu di quella strega della sorella Mariù, che sopravvisse a Giovanni curandone antologie per piccini che alla lunga hanno fornito un’immagine sbagliata della poesia di Pascoli, per inciso l’unico poeta della sua epoca che si potesse mettere di fronte a D’Annunzio. Da allora, Pascoli viene sempre percepito come “vecchio”».
Porterà questo spettacolo in terre molto vicine a quelle pascoliane. Conosce Cervia?
«Sì, certo, sono venuto tante volte e trovo sempre un pubblico affettuoso, come del resto accade sempre in provincia. Il pubblico delle province è affamato di spettacolo e vuole vedere le cose dal vivo, hic et nunc, non aspettare il film americano dieci anni dopo! Io poi tengo sempre a mente che Recanati è in provincia, e con quello che ci ha regalato ha ben poco da invidiare alla città».

Biglietti 12-20 euro, info 0544/975166 begin_of_the_skype_highlighting settesere it n3680-paolo-poli-omaggia-pascoli-venerdi-20-a-cervia 0030544/975166 GRATIS  end_of_the_skype_highlighting. Paolo Poli incontrerà il pubblico venerdì 20 alle 18.30 nel Ridotto del teatro.

Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Appuntamenti
Buon Appetito
Progetto intimo
FuoriClasse
Centenari
Mappamondo
Lab 25
Fata Storia
Blog Settesere
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it n3680-paolo-poli-omaggia-pascoli-venerdi-20-a-cervia 006
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione