"Setteserequi", il settimanale rinnovato della provincia

Ravenna | 10 Maggio 2013 Cronaca
quotsetteserequiquot-il-settimanale-rinnovato-della-provincia
Un settimanale rinnovato nei contenuti e nella grafica, che unisce le esperienze editoriali storiche di «sette sere» e «Qui magazine» della provincia ravennate. «Setteserequi» è da venerdì 10 maggio nelle edicole ed a casa di migliaia di abbonati, per una distribuzione complessiva di quasi 10mila copie. Cronaca, politica, cultura, spettacoli, costume, economia e sport: tutte le settimane 64 pagine a colori che raccontano ed approfondiscono le notizie del territorio, dalle città principali (Ravenna, Faenza, Lugo, Cervia), ma anche dai centri più piccoli della bassa e della vallata, come dalle frazioni del forese o dai lidi della nostra riviera. Il prezzo degli abbonamenti è conveniente: 45 euro per 50 numeri all'anno, in edicola tutti i venerdì a 1,5 euro.

Ogni due settimane usciremo in abbinamento con il quindicinale di annunci l'Idea. «Setterequi» sarà un settimanale aperto agli interventi esterni che arriveranno dalla società, oggi più che mai in cambiamento, segnata da una crisi economica profonda e da orientamenti politici nuovi. Cercheremo di esserne i giusti interpreti, senza dimenticare quali sono le nostre radici, caratterizzate da un riformismo che vogliamo mantenere anche in futuro. «setteserequi» sarà un settimanale «quotidianizzato», faremo molto approfondimento con inchieste ed interviste, ma manterremo sempre un occhio vigile all'attualità della cronaca. Vogliamo essere un pungolo attento alle attività dei governi locali, ma anche osservatori scrupolosi del mondo socio/economico. La prima parte del giornale sarà dedicata alle cronache dai territori con Ravenna, Faenza, Bassa Romagna e Cervia. Poi due pagine di «Lettere e commenti», uno spazio sacro per tutti i nostri lettori. Il cuore centrale chiamato Q7 è dedicato a tutto quello che fa cultura, dalla musica al cinema fino alle ultime tendenze di costume. Nella seconda parte spazio all'economia e allo sport, a cui dedicheremo tutte le settimane almeno 8 pagine, dai top team alle squadre giovanili. «Setteserequi» è anche un quotidiano online (www.settesere.it), con aggiornamenti in diretta tutti i giorni, approfonditi da video e da gallery fotografiche relative alle principali notizie del giorno. La parte online si completa con le pagine social del settimanale su Facebook e Twitter, all'interno delle quali si trovano notizie, gallerie fotografiche e dibattiti lanciati in rete e ripresi tutte le settimane sul giornale. Tutto questo e altro fa parte dell'attività della cooperativa Media Romagna, questa sì da poco nata (a fine 2012), costituita dai giornalisti della redazione e da alcuni collaboratori. In particolare i soci ad inizio maggio sono, oltre al sottoscritto, Massimiliano Baravelli, Federica Ferruzzi, Marianna Carnoli, Elena Nencini, Christian Fossi, Samuele Staffa, Federico Savini, Fausto Sartini e Giancarlo Ciani. Non socie, ma punto di riferimento delle redazioni di Faenza e Ravenna, le amministratrici Maria Pia Timo e Manuela Bianchi. A questo nucleo centrale, si devono aggiungere circa 30 collaboratori esterni al giornale, vero punto di forza del nostro settimanale che ci permettono di essere presenti con occhio vigile su tutto il territorio. Nella mission della cooperativa, che vuole essere un nuovo soggetto culturale a tutti gli effetti del territorio, oltre al giornale e al sito internet, ci sono altre attività che nei prossimi mesi verranno sviluppate. In particolare viene già data importanza al settore della formazione scolastica, con laboratori per tutte le età: dalla 5° elementare alla 5° superiore. Poi ci sarà spazio per l'organizzazione di eventi culturali e dibattiti politico/economici. Infine all'interno della cooperativa sono presenti professionalità necessarie per la realizzazione di progetti di comunicazione integrata. Un supporto essenziale all'attività di Media Romagna, in particolare del settimanale, arriva dalle agenzie di pubblicità: Publik Image per i comuni di Ravenna, Russi e delle altre province romagnole, ed Immedia /Allestimenti, che cura la raccolta su Faenza, Bassa Romagna, Imola e altre zone emiliane. In un momento delicato dal punto di vista economico come questo, il nostro settimanale rappresenta una vetrina di qualità ancora per molte aziende, clienti fidelizzati da anni o nuove entrate che Publik Image e Immedia hanno intercettato in un mercato della pubblicità che si fa sempre più difficile. Essere imprenditori di sé stessi (quasi tutti under 40) in un momento come questo, rappresenta certamente una sfida coraggiosa, che sapremo affrontare con la giusta responsabilità di chi già da anni ha fatto di una passione, il giornalismo, la propria professione. *Direttore «setteserequi»
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Appuntamenti
Buon Appetito
Progetto intimo
FuoriClasse
Centenari
Mappamondo
Lab 25
Fata Storia
Blog Settesere
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it n2301-setteserequi-il-settimanale-rinnovato-della-provincia 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione