settesere it notizie-romagna-tiro-a-volo-la-promessa-fabbri-e-il-tecnico-dradi-da-conselice-alla-conquista-del-mondo-n25619 001

Tiro a volo, la promessa Fabbri e il tecnico Dradi: da Conselice alla conquista del Mondo

Romagna | 07 Settembre 2020 Sport
tiro-a-volo-la-promessa-fabbri-e-il-tecnico-dradi-da-conselice-alla-conquista-del-mondo
Damiano Ventura
Un oro a squadre e un bronzo individuale. Sono queste le ultime medaglie importanti, cronologicamente parlando, arrivate in Romagna dal tiro al volo. A portare a casa tale posta ci ha pensato Nicolò Fabbri di Palazzuolo sul Senio che a Todi, in provincia di Perugia, lo scorso 10 agosto ha disputato e vinto nella specialità Fossa Universale, il campionato del mondo: «La gara è andata bene - afferma il tiratore 22enne - ho totalizzato 194 su 200 e dopo la vittoria mi ha chiamato anche il sindaco per complimentarsi. In paese hanno anche attaccato i volantini e non me l’aspettavo, mi sono emozionato». Nei prossimi giorni l’atleta romagnolo, abituato a conciliare le gare con lo studio sin da quando aveva 15 anni, parteciperà al Gran Premio delle Alpi e ad un altro torneo con la maglia della selezione regionale, poi tornerà a dedicarsi anche all’università. Lo attendono le lezioni e gli esami della facoltà di ingegneria a Forlì. «Mi piace sparare, sono innamorato del fucile da quando ero piccolo - racconta - perché vedevo mio padre andare a caccia. Sette anni fa mi sono avvicinato a questa disciplina partecipando al corso a Conselice dove ancora oggi mi alleno. Ci sono ragazzi che iniziano a sparare a 12 anni, nel mio caso iniziare due anni prima sarebbe stato importante». Fabbri si allena da solo. Nello stesso impianto passa saltuariamente l’alfonsinese Marcello Dradi, personaggio ben noto nel mondo del tiro sportivo internazionale e non solo. Da pochi giorni infatti ha accettato l’incarico per guidare la nazionale olimpica spagnola di tiro al piattello ed attualmente si trova al centro tecnico di Granada. Fino al 31 agosto è stato il tecnico della nazionale cinese, ultima di numerose esperienze all’estero da allenatore, intraprese dopo una intensa carriera da atleta. «Da giovane il mio sport era il tennis - racconta Dradi - poi l’ho lasciato perché più diventi grande e più conta la velocità della palla. Nello sparare non c’è divertimento, mi ci sono dedicato perché volevo andare alle Olimpiadi e individuai il tiro al piattello come sport ideale, ho sempre fatto quello sin da giovanissimo». In effetti se la cavava. Lo testimonia un record mondiale ottenuto all’inizio degli anni ‘90, ma come racconta lui stesso a Barcellona 1992 non ci arrivò mai. «Ero sul tetto del mondo ma purtroppo durante il Gp d’Europa ebbi un bruttissimo incidente dal quale non mi ripresi del tutto anche se avrei avuto tempo per recuperare. Sono sempre stato un allenatore. Il primo contratto fu con la Russia dopo la caduta del muro di Berlino. Due anni dal 1994 al 1996, poi ho preso l’India nel 1998 fino al 2002. Fino al 2004 ho portato la Russia alle Olimpiadi di Atene dove abbiamo vinto la medaglia d’oro. Successivamente ho guidato la Gran Bretagna poi ancora l’India, e l’ultima in ordine di tempo è stata la Cina. Mi piaceva viaggiare e così ho fatto una scelta. Professionalmente avrei potuto fare l’avvocato perché avevo uno studio in società con altri». Dradi tra l’altro è stato allenatore dei centesi Jessica Rossi (oro alle Olimpiadi di Londra 2012) e di Daniele Resca (oro ai Mondiali nel 2017), oltre che di Valerio Grazini (due ori ai campionati del mondo). Con Fabbri si conoscono: «So che al mondiale la prestazione del ragazzo è stata ottima, soprattutto considerando il tempo che può dedicare a questo sport. Lo seguirò in futuro, ha delle potenzialità».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-tiro-a-volo-la-promessa-fabbri-e-il-tecnico-dradi-da-conselice-alla-conquista-del-mondo-n25619 002
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione