Ravenna, sospensione vertici di Autorità portuale. Il sindaco De Pascale: "Il progetto Hub deve andare avanti". Anche Confidustria chiede chiarezza

Romagna | 10 Settembre 2019 Cronaca
Sta ndo discutere e preoccupa la sospensione per un anno chiesta ieri dalla Procura per i vertici di autorità portuale, Daniele Rossi, Paolo Ferrandino e Fabio Maletti nell'ambito dell'inchiesta che li vede indagati per inquinamento ambientale, abuso ed omissione di atti d'ufficio per l'inabbisamento della motonave Berkan B avvenuto lo scorso marzo nella piallassa Piomboni. Già questa mattina il capogruppo in consiglio comunale di FI, Alberto Ancarani aveva chiesto al sindaco Michele De Pascale in una nota, di attivarsi con le istituzioni competenti perchè il progetto per l'hub portuale venisse portato avanti. La riposta del sindaco non ha tardato ad arrivare. "Il progetto Hub Portuale Ravenna non deve fermarsi” ha commentato De Pascale sottolineando come l'indagine della Procura riguardi un tema delicatissimo quale la tutela ambientale, ma non direttamente legato al Progettone. "Nnon è compito della politica commentare un provvedimento dell’autorità giudiziaria, soprattuto se ha a che fare con misure cautelari- ha aggiunto il sindaco-. Da parte del Mise c'è massima attenzione per il porto di Ravenna, interessato da importanti investimenti sia nazionali che internazionali e tutte le istituzioni saranno impegnate a far proseguire il progetto di hub portuale ovviamente nel rispetto del lavoro della magistratura e della procura".

L'intervento di Confindustria Romagna

"Le ombre che si allungano sul futuro del porto di Ravenna e delle attività estrattive rischiano di compromettere definitivamente la crescita e la competitività dello scalo, del suo indotto e di tutte le attività ad esso collegate. Confindustria Romagna aveva già chiesto e ottenuto per i prossimi giorni un incontro con l’amministrazione e i vertici dell’Autorità di sistema portuale, per chiarimenti sulla tempistica degli escavi dei fondali e sul continuo rinvio della pubblicazione del bando, più volte annunciato come imminente. Oggi, alle preoccupazioni già espresse per l’allungamento dei tempi di avvio del progetto hub portuale, si aggiunge l’allarme per la prospettiva di stallo dell’ente portuale e dei suoi effetti amministrativi: non possiamo permetterci uno stop proprio ora dopo anni di lunghissima attesa, a una settimana dalla conferenza dei servizi potenzialmente decisiva per il via libera. Il limbo in cui rischia di precipitare l’economia cittadina, tra il blocco delle attività estrattive che il nuovo Governo ha confermato nonostante i moniti di imprese e sindacati e l’azzeramento dei vertici dell’Autorità di sistema portuale, potrebbe avere molto presto effetti negativi sull’intero tessuto produttivo e sull’occupazione, impattando drasticamente su tutta la nostra comunità: perderemmo posti di lavoro, talenti e ricchezza.

L’associazione chiede quindi lucidità e cautela a tutti i soggetti coinvolti, per trascinare insieme il porto di Ravenna fuori dalle sabbie mobili in cui sta soffocando".


 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione