Vai a https://www.regione.emilia-romagna.it/ucraina
Vai a  https://www.agriturismo.emilia-romagna.it/

Ravenna, morì a 81 anni per l'errata somministrazione di un farmaco: Domus Nova condannata

Romagna | 11 Maggio 2022 Cronaca
ravenna-mora-a-81-anni-per-lerrata-somministrazione-di-un-farmaco-domus-nova-condannata
Il giudice del tribunale civile di Ravenna Alessia Vicini ha condannato la clinica ravennate Domus Nova e due medici della struttura a risarcire con oltre 700mila euro, accogliendo la richiesta della difesa dei familiari di una donna, morta a 81 anni, l'11 maggio 2018. Nel valutare il danno non patrimoniale il giudice ha concordato con l'esito della consulenza tecnica d'ufficio: sussiste il nesso causale tra l'errata ed eccessiva somministrazione di un farmaco, che ha provocato gravi effetti collaterali e la morte dell'anziana. Alla donna, ricoverata nella clinica, è stata infatti somministrata quotidianamente la dose del medicinale che doveva invece assumere in una settimana: questo, aveva stabilito la consulenza, ha agito come causa scatenante dell'alterazione di un equilibrio clinico-funzionale della paziente, innescando una cascata di eventi che ha portato al decesso e riducendo pesantemente le possibilità di sopravvivenza. I familiari della donna sono difesi dagli avvocati Chiara Rinaldi e Maria Federica Celatti. La clinica è assistita dall'avvocato Donatella Dalmonte, i due medici dall'avvocata Francesca Giardini. Sul piano penale i due medici, difesi dall'avvocato Giovanni Scudellari, sono stati condannati a novembre, uno a otto mesi, l'altro a sei mesi e una terza dottoressa, che ha chiuso il procedimento civile con una transazione, è stata rinviata a giudizio. ll Gup Andrea Galanti nella motivazione della sentenza sottolinea come "l'evento di danno" è concretamente derivato "sotto il profilo della concatenazione causale dall'inazione degli imputati". Segnala inoltre il "grossolano errore" nella predisposizione del piano terapeutico, già evidenziato dalla perizia medico-legale, quindi le omissioni e il ritardo della diagnosi da parte di chi ha avuto in cura la donna, cioé i due imputati. Inoltre il giudice ritiene siano da valutare responsabilità anche del primario del reparto e di personale infermieristico e per questo ha rimandato gli atti alla Procura: il primario non avrebbe mai visitato la paziente, né preso posizione sul trattamento terapeutico e anche gli infermieri avrebbero contribuito a causare la morte della paziente, con imperizia e negligenza "nel mai segnalare ai medici curanti, ancor più miopi, la clamorosa erroneità del piano terapeutico".
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-ravenna-mora-a-81-anni-per-l-errata-somministrazione-di-un-farmaco-domus-nova-condannata-n33925 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione