settesere it notizie-romagna-ravenna-la-volontaria-de-la-compagnia-del-racconto-ascoltare-gli-anziani-mi-riporta-all-infanzia-n28674 001

Ravenna, La volontaria de "La compagnia del racconto": "Ascoltare gli anziani mi riporta all'infanzia"

Romagna | 05 Aprile 2021 Cronaca
ravenna-la-volontaria-de-ala-compagnia-del-raccontoa-aascoltare-gli-anziani-mi-riporta-allinfanziaa
Eugenia Bianchi è una delle volontarie che ha partecipato al progetto e, come spiega sorridendo, «avrei potuto anche essere quella intervistata, visto che sono ultrasettantenne. Mi sono prestata volentieri, ho sempre vissuto nel mondo del volontariato e anche per lavoro ho avuto contatti giornalieri con gli anziani. Mi piace quando raccontano, mi fanno tornare alle sensazioni che avevo da piccola e, allo stesso tempo, provo la soddisfazione di fare qualcosa per la città». Ed è stata Bianchi a segnalare agli operatori di Villaggio Globale la presenza di Maria Bicocchi all’ex quartiere Anic, zona in cui  la volontaria ha vissuto per anni. «Conoscevo Maria e le ho chiesto se avesse voluto raccontare la sua storia, che di certo non è stata semplice. E’ rimasta orfana a 5 anni, quando la sua famiglia, a parte il fratello, è stata vittima di un bombardamento a Piangipane. Maria venne ferita e ricoverata a Pesaro, non dev’essere stato facile per lei, anche se poi la situazione è migliorata perchè lo zio l’ha cresciuta come se fosse una figlia. All’epoca non c’erano molte possibilità di lavoro per le donne, ma a 14 anni lei potè scegliere di andare a lavorare alla Callegari, dove venne assunta con la firma, come si diceva allora, in pratica oggi equivarrebbe ad un contratto stagionale. A 21 anni conobbe il marito, Piero Strada, che oltre al suo lavoro coltivava la passione per le sculture in ferro, ambito in cui divenne molto famoso, ricevendo riconoscimenti anche a livello internazionale. In più occasioni venne chiamato all’estero e lei lo seguì sempre. Per lui Maria sacrificò la propria vita lavorativa, dal suo racconto sono emerse diverse rinunce che lei ha dovuto fare». Secondo la volontaria, durante le loro chiacchierate è trapelato quello che lei ha definito «il carattere romagnolo», «che in molti casi non ha permesso a tante donne di avere un proprio stipendio ed una propria autonomia. Ricordo che Maria disse che avrebbe voluto prendere la patente, ma il marito le disse che, anche se lo avesse fatto, non avrebbe mai potuto caricare i figli in auto con sé». Racconti di una vita che hanno portato le due donne ad unirsi e a sentirsi ancora oggi nonostante quel progetto sia stato concluso. «Prima di abitare all’ex villaggio Anic, Maria risiedeva in via Belfiore, e ancora oggi sostiene che il nuovo quartiere è molto chiuso. E’ abitato in prevalenza da marchigiani, che hanno creato una loro comunità, e dice di aver fatto fatica ad inserirsi. Maria è una donna molto aggiornata, quando parliamo tratta di politica e pandemia con grande disinvoltura, sentirla parlare è sempre un piacere». (fe.fe.)
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-ravenna-la-volontaria-de-la-compagnia-del-racconto-ascoltare-gli-anziani-mi-riporta-all-infanzia-n28674 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione