Ravenna, il vescovo Ghizzoni sui 5 anni di Papa Francesco: "Profeta scomodo dei nostri giorni"

Romagna | 26 Marzo 2018 Le Opinioni
ravenna-il-vescovo-ghizzoni-sui-5-anni-di-papa-francesco-aprofeta-scomodo-dei-nostri-giornia
Monsignor Lorenzo Ghizzoni - Papa Francesco ha fatto parlare molto di sé. Ci ha messo la faccia fin dal giorno della sua elezione, cercando il contatto diretto con il Popolo di Dio, oltre protocolli e diplomazia.
Potremmo anche qui fare l’elenco di ciò che ha più colpito dei suoi tanti gesti abbastanza clamorosi, ripetuti, insistenti o delle affermazioni forti, coinvolgenti, sincere, con un linguaggio nuovo, con una creatività sorprendente. Ha richiamato la Curia, i politici, i ricchi, i cristiani addormentati, gli indifferenti e i tanti complici dei mali che ci opprimono. Ha incarnato in questi anni soprattutto la figura del “profeta” che provoca tutti, a nome di Dio, alla conversione. Non ha avuto paura di mettere sale sulla piaga dei peccati e dei compromessi e poi di indicare la via della misericordia per riconciliarsi con Dio e i fratelli. E ha voluto assumere anche quell’atteggiamento di “parresia” (franchezza coraggiosa e lucida) che caratterizza gli apostoli agli inizi della Chiesa, perché c’era e c’è bisogno di ricominciare a evangelizzare e fondare nuove comunità di credenti.
Ha interpretato sin da subito il suo mandato come “riforma della Chiesa in uscita missionaria”. Riformare, quindi, non solo strutture e funzioni di Curia ma ha chiesto da subito ai cristiani una conversione a tutti i livelli e l’avvio di processi di cambiamento che, sa bene, essere lunghi e faticosi, perché hanno a che fare con le persone, le abitudini e i compromessi consolidati. La missione di testimoniare il Vangelo prima con la vita che con le parole, lo esige.
I gesti dei primi giorni hanno entusiasmato molti, ma hanno suscitato anche critiche, mi pare soprattutto da coloro che hanno utilizzato le categorie (forse già vecchie) della politica e l’hanno voluto schierare da una parte. È inevitabile che si provochino reazioni, quando si propongono il recupero diretto degli indirizzi del Concilio vaticano II e di Paolo VI, il richiamo al radicalismo evangelico, il tema missionario prima della comunione interna, la ripresa della attenzione preferenziale per i poveri di ogni parte del mondo, senza classificazioni ideologiche, la tutela dei minori dagli abusi dentro e fuori dalla Chiesa. Lo stesso vale per il rilancio dell’amore dentro il matrimonio come valore essenziale che sorregge la coppia e la apre alla accoglienza della vita, insieme con quella alle famiglie ferite e “irregolari” da accompagnare con misericordia; e poi lo spazio dato fin dall’inizio al tema sociale, alla custodia della Terra come casa comune, a una economia che non uccida e crei progresso per tutti. A me pare che papa Francesco, come tutti i profeti, abbia scomodato un po’ tutti e a volte ci abbia messo in imbarazzo, ma più spesso ci ha riscaldato il cuore, proponendoci un Vangelo e una Chiesa capace di camminare insieme con tanti, che benedice la realtà umana e la accoglie anche se segnata dal peccato, che non si preoccupa dei seminatori di zizzania ma testimonia con coraggio la misericordia del Padre e non ha paura della storia o del mondo, perché sa di essere nelle mani del suo Signore, Gesù Cristo.
 
 
 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravenna.confcooperative.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Vai a https://www.trony.it/online/laws/Offerta-lavoro-dml-programmatore-faenza-15-11-2016
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

via Zanelli, 8
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544 1880790
Faenza - tel. 0546 20535
E-mail: pubblicita@settesere.it
Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione