settesere it notizie-romagna-ravenna-grimaldi-dirigente-itis-baldini-e-argento-rsu-flc-cgil-aotto-prime-con-30-ragazzi-la-gestione-a-difficilea-n30714 001
Vai a https://agriturismo.emilia-romagna.it/it
Vai a https://agriturismo.emilia-romagna.it/it

Ravenna, Grimaldi (dirigente Itis Baldini ) e Argento (Rsu Flc Cgil): «Otto prime con 30 ragazzi, la gestione è difficile»

Romagna | 12 Settembre 2021 Cronaca
ravenna-grimaldi-dirigente-itis-baldini--e-argento-rsu-flc-cgil-otto-prime-con-30-ragazzi-la-gestione-au-difficile
Giuseppe Argento, rsu Flc Cgil e docente dell’istituto Itis Nullo Baldini, lamenta, anche quest’anno, la presenza delle cosiddette «classi pollaio» che nell’istituto di via Marconi arrivano fino a  trenta. «Ci sono undici prime, otto delle quali ospiteranno tra i 29 e i 30 ragazzi, poi ci sono altre tre prime  dove gli alunni variano tra i 24 ed i 25. Numeri che, anche in una situazione normale, non sarebbero ammissibili, figuriamoci in tempo di Covid». Una situazione diversa da quella dello scorso anno. «Nel precedente anno scolastico i numeri erano inferiori, quest’anno le classi sono davvero troppo numerose. Proprio questa mattina ho sentito il  ministro sostenere che le “classi pollaio”, in Italia, sono molto poche e che, in quei rari casi, il Governo interverrà con fondi straordinari per trovare soluzioni. Vedremo se queste parole avranno un seguito». Da tanti anni nel mondo della scuola, Argento ricorda i diversi cicli dell’istituto: «Lo spettro della riforma Moratti comportò una contrazione delle iscrizioni negli istituti tecnici: si diceva che questi indirizzi sarebbero scomparsi, ma così non è stato. Successivamente il numero degli iscritti è risalito, a Ravenna in maniera maggiore rispetto agli altri del circondario». E gli iscritti non sono solo maschi. «Qui ci sono le strutture e gli indirizzi di chimica e informatica che attirano anche molte ragazze. La presenza è ridotta, ma ci sono anche loro». Per Argento, però, il problema principale rimane quello dell’affollamento. «Il vero “cancro” della scuola moderna, che sta contribuendo ad abbassarne il livello qualitativo, sono gli alti numeri: in presenza di trenta studenti, Covid o non Covid, le prove orali stanno diventando impossibili. Fare il giro delle interrogazioni è diventato difficile e sempre di più si opta per scritti e test. E’ un peccato, perchè il momento dell’interrogazione rappresenta una crescita anche per i compagni e le compagne in ascolto. Sarebbe ora di tornare a coefficienti più bassi per ottenere un innalzamento del livello medio della scuola». Nel merito è intervenuto anche il dirigente scolastico Antonio Grimaldi, che ha sottolineato: «stiamo cercando di mettere in campo tutte le soluzioni possibili. Abbiamo scelto aule grandi per le classi più numerose, tutti dovranno indossare la mascherina, la distanza verrà rispettata ovunque sia possibile». Come spiegato da Argento, anche per Grimaldi «il problema principale è la didattica. Il tempo da dedicare a ciascuno studente diventa inevitabilmente inferiore, ma cerchiamo di fare al meglio delle nostre possibilità. Inoltre cercheremo di fare potenziamento con qualche docente in più che porterà fuori gli alunni. In pratica, in presenza di studenti con difficoltà, il professore di turno li porterà in un’altra aula in cui potranno essere seguiti più da vicino grazie alle ore di potenziamento. Ci sarà, in proposito, un’attenta valutazione da parte del corpo docenti. Posso comunque dire fin d’ora che non saranno trascurati, ci rimboccheremo le maniche». (fe.fe.)
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-ravenna-grimaldi-dirigente-itis-baldini-e-argento-rsu-flc-cgil-aotto-prime-con-30-ragazzi-la-gestione-a-difficilea-n30714 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione