Ravenna, arrestati membri di due bande dedite al traffico di droga

Romagna | 09 Luglio 2018 Cronaca nera
ravenna-arrestati-membri-di-due-bande-dedite-al-traffico-di-droga
Nella notte tra l'8 e il 9 luglio i carabinieri hanno arrestato tre tunisini, due albanesi ed un'italiana appartenenti a due gruppi criminali dediti allo spaccio di droga. Gli allbanesi portavano cocaina nel nostro paese che rivendevano ai tunisini che la spacciavano. Indagate anche altre due persone di cui una irreperibile perchè in Albania. L'indagine dei carabinieri del nucleo investigativo "Amarcord", coordinata dal pm Daniele Barberini è scattata dopo la sparatoria nel parcheggio del pronto soccorso avvenuta il 16 maggio 2015l quando tre persone avevano avvicinato un albanese 32enne e gli avevano esploso contro 10 colpi mancandolo. Per quell'episodio erano finiti in manette un tunisino 40enne ed un italiano 37enne e fu subito chiaro che il movente del tentato omicidio era un regolamento di conti tra bande: una di tunisini ed una di albanesi. Le indagini hanno permesso ai carabinieri di capire che i tunisini vendevano quanto procurato loro dagli albanesi, non sono agli Speyer, ma anche in alcune piazzole di sosta lungo la Classicana. La modalità di cessione prevedeva più passaggi a soggetti diversi che ha reso più difficile il lavoro dei militari. A Lido di Classe è stato inviduato e sequestrato, a fine dello scorso anno, un laboratorio per lo stoccaggio gestito dagli albanesi e sequestrati 26 chili di droga oltre ad un ingente quantitativo di sostanza da taglio inoltre nella casa di un soggetto straniero, ma collegato ai criminali, i militari hanno trovato 39 mila euro in contanti suddivisi in diversi "pacchetti", verosimilmente per effettuare velocemente i pagamenti.I pedinamenti e le intercettazioni telefoniche, rese difficili dal fatto che i criminali cambiavano frequentemente il numero di cellulare hanno, però, offerto elementi probatori importanti che hanno portato il gip Antonella Guidomei, vista la documentazione prodotta dal pm di emettere sei ordinanze di custodia cautelare in carcere per spaccio continuato di sostanze stupenti (eroina e cocaina). Cinque soggetti risiedevano nella provincia di Ravenna ed uno era ai domiciliari a Rimini. I clienti, numerosissimi, arrivavano anche dalle province di Forlì-Cesen e Ferrara, non solo dalla nostra.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravenna.confcooperative.it
Vai a https://www.decoindustrie.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Vai a https://www.trony.it/online/laws/Offerta-lavoro-dml-programmatore-faenza-15-11-2016
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

via Zanelli, 8
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544 1880790
Faenza - tel. 0546 20535
E-mail: pubblicita@settesere.it
Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione