Pd, rischio scissione, Pagani: "Il Paese ha altre priorità"; Rontini: "Il congresso farà chiarezza"

Romagna | 18 Febbraio 2017 Politica
Dall'ultima direzione Pd è emersa una spaccatura profonda tra le anime pro o anti Renzi. Cosa serve al partito per eventualmente scongiurare una scissione ormai alle porte? Domenica ci sarà l’assemblea nazionale che delineerà meglio la road map verso il congresso. La parola a due esponenti di primo piano dei Democratici locali, l’onorevole di Alfonsine Alberto Pagani e la consigliera regionale di Faenza Manuela Rontini.
 
Alberto Pagani: «Né con Renzi, né con Bersani, altre priorità per il Paese»
«Non sono per la linea Renzi, che ci porterà a schiantarci contro un muro e nemmeno per quella Bersani, che non riesco nemmeno a capire dove possa portare. Io sono per mettere in fila le priorità. La prima riguarda l’agenda sociale del nostro Paese, le leggi delega in materia di disagio e nuove povertà: ora il governo deve completare il quadro con i decreti attuativi e dimostrare di essere in grado di portare a termine quello che ci siamo impegnati a fare. In secondo luogo, occorre trovare un’intesa con le altre forze politiche, con chi vuole mettere a punto una legge elettorale in grado di dare forma ad una maggioranza e di conseguenza ad un governo. L’alternativa è la paralisi del Paese. Per trovare un'intesa ci vuole la pazienza e l'umiltà del confronto con tutti gli altri, perché serve una maggioranza che voti la nuova legge, e non la so forma battendo il pugno sul tavolo, ma discutendo. In terza battuta, il Pd deve ragionare più seriamente sui cambiamenti che hanno attraversato il mondo dall’ultimo congresso fino ad oggi: basti pensare all’inasprimento delle azioni terroristiche, al fenomeno migratorio che ha messo in crisi la stessa Unione Europea, alla Brexit o all’elezione di Trump. Occorrono risposte nuove: non basta prendere il programma di tre anni fa e cambiare semplicemente la data. Dalla Riforma della scuola al Jobs Act, troppe volte ci siamo trovati a rincorrere gli errori commessi e a cercare di correggerli. Ci sono stati errori che ci hanno portato alla sconfitta del referendum. Per poterli correggere bisogna prima riconoscerli. Questa discussione richiede profondità, non bastano gli slogan, e bisogna farla prima del congresso, dove ci saranno candidati che saranno in competizione tra di loro, e si addosseranno a vicenda la responsabilità sei nostri insuccessi e la colpa degli errori commessi, invece di confrontarsi realmente sui problemi e cercare insieme le soluzioni».      
 
Manuela Rontini: «Il congresso farà chiarezza»
«Servirebbe innanzitutto un po' di buon senso da parte dei dirigenti nazionali: mi pare che per qualcuno ogni scusa sia buona per arrivare ad una resa dei conti, che io non auspico. Anche solo evocare la scissione, è un assist che facciamo ai nostri avversari. Il congresso sia l'occasione per ripartire, mettendo al centro una proposta politica forte con contenuti che affrontino e diano risposte ai grandi temi sociali ed economici: disoccupazione giovanile, povertà, sicurezze e bisogno di protezione che la globalizzazione ha evidenziato, immigrazione e sfida dell'accoglienza. Torniamo a parlare al Paese e smettiamola di guardare al nostro ombelico: la nostra gente è stanca, non ci capisce e ha ragione».
(Pareri raccolti da Samuele Staffa e Riccardo Isola)
 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Non capisco come il popolo del Pd si sia fatto abbindolare da Renzi,un partito di sinistra che si fa guidare da un DC per fare una politica di destra,in questi anni quando Renzi decideva ho SEMPRE visto applaudire confindustria i giovani industriali Marchionne le multinazionali ,MAIi sindacati gli operai i professori gli studenti o i precari o i pensionatiBASTA di Renzi e del sul giro di nani e ballerine BASTA.
Commenta news 19/02/2017 - Rondine
favorevole...finalmente si sono accorti con chi hanno a che fare
Commenta news 17/02/2017 - marco
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione