settesere it notizie-romagna-patrick-zaki-prima-udienza-in-egitto-aliberatemi-sono-innocentea-n30792 001
Vai a https://agriturismo.emilia-romagna.it/it
Vai a https://agriturismo.emilia-romagna.it/it

Patrick Zaki, prima udienza in Egitto: «Liberatemi, sono innocente»

Romagna | 15 Settembre 2021 Cronaca
patrick-zaki-prima-udienza-in-egitto-liberatemi-sono-innocente
Pochi minuti in tutto, forse sei. Con pochi secondi a disposizione per protestare la sua innocenza e denunciare l'abuso di 19 mesi di custodia cautelare patiti in fondo solo per aver scritto un articolo. Come riporta l'Ansa, è stata breve la prima udienza di Patrick Zaki, subito aggiornata al 28 settembre, in un processo che in teoria il ricercatore-attivista per i diritti umani dovrebbe affrontare a piede libero ma in cui rischia altri tre anni e cinque mesi di carcere per "diffusione di notizie false" a causa di un articolo sulle discriminazioni dei cristiani nell'islamico Egitto. Tutto vestito di bianco, in camicia, larghi pantaloni e scarpe da tennis, lo studente egiziano dell'università di Bologna è stato fatto entrare ammanettato nell'angusta gabbia degli imputati al terzo piano di uno dei due palazzi di Giustizia di Mansura, la città sul delta del Nilo dove è nato 30 anni fa. Oltre ai suoi ormai iconici occhiali e barba, Patrick oggi aveva i ricci capelli raccolti in un codino e ha salutato a mani forzatamente giunte il padre George, la sorella Marise e una dozzina di altri parenti, attivisti e amici con cui ha comunicato a gesti furtivi. Un saluto anche ai due diplomatici italiani venuti dal Cairo per monitorare l'udienza assieme a due colleghe di Germania e Canada, intervenute su iniziativa italiana. Una presenza-pressione analoga a quella esercitata in tutte le precedenti udienze sul rinnovo della custodia cautelare dal febbraio dell'anno scorso. Patrick ha bevuto a fatica da una bottiglietta, ha scartato e mangiato un dolciume fattogli arrivare dalla sorella. Poi si è alzato e ha iniziato quasi a scalpitare, come ha continuato a fare con le braccia dietro la schiena davanti al giudice monocratico e due cancellieri mentre la sua principale avvocata, Hoda Nasrallah, perorava la sua difesa: ormai è accusato solo di diffusione di notizie false e quindi va scarcerato subito visto che per questo reato la custodia cautelare è di soli sei mesi, un terzo di quelli già passati finora in prigione. Con un poliziotto a fianco, uno alle spalle e almeno otto altri sparsi per la sala assieme a uomini della sicurezza in borghese a tenere a bada con occhiate gli obiettivi dei telefonini, Patrick ha risposto "non ho commesso questo crimine" alla domanda del giudice se avesse pubblicato notizie false. Con piglio battagliero, anche lui ha denunciato di essere stato in carcere troppo a lungo, visto che ora non gli vengono più mosse le accuse di istigazione alla sovversione e al terrorismo sulla base dei fantomatici dieci post di un account Facebook di controversa attribuzione (ma la svolta deve ancora essere appurata dai suoi legali nei prossimi giorni). Il giudice si è ritirato per quasi un'ora. Poi, poco dopo le 15, uno dei poliziotti in divisa bianca e baschetto nero è sbucato da una porta annunciando il rinvio. "28 settembre, 28 settembre", hanno urlato parenti e attivisti rivolti alla piccola grata di un furgone blindato azzurro, dove erano sicuri di aver intravisto Patrick: è stato questo l'unico modo per fargli sapere quando dovrà ricomparire davanti alla seconda corte della Sicurezza dello Stato per i reati minori di Mansura, che prima della sua in tre ore aveva macinato 155 udienze nella maggior parte dei casi solo col sommesso passaggio di carte da avvocati al giudice. La kafkiana impenetrabilità della Giustizia egiziana, ancora nel tardo pomeriggio, ha lasciato nell'incertezza se Patrick sia tornato a dormire per terra nel famigerato carcere cairota di Torah o in uno di Mansura. Con l'aggiornamento comunque è stato evitato "lo scenario peggiore", quello di una "sentenza inappellabile" emessa già dopo la prima udienza, ha commentato Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, riferendosi a una possibile condanna a cinque anni (di cui 19 mesi già scontati) che poi solo il presidente Abdel Fattah al-Sisi potrebbe revocare.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-patrick-zaki-prima-udienza-in-egitto-aliberatemi-sono-innocentea-n30792 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione