Parto in casa, l'ostetrica: "Un'esperienza che piace a molte"

Romagna | 10 Febbraio 2020 Mamma Mia!
parto-in-casa-lostetrica-quotunesperienza-che-piace-a-moltequot
Dopo il 1989, quando è nata l’associazione culturale «Il nido», i parti in casa erano circa una decina l’anno. Oggi le sei ostetriche ne svolgono una sessantina l’anno (casa maternità compresa), spostandosi da Bologna in tutte le province dell’Emilia-Romagna, Ravenna compresa. A parlarne è Vianella Gnan, che precisa come la richiesta, in realtà, sia più alta: «Non tutte le donne che desiderano optare per questa via possono poi realizzarla. Tutto dipende dalle caratteristiche della gravidanza e dalla salute delle mamme e dei bambini. In ogni caso, quando non si può facciamo anche l’accompagnamento in ospedale, assistendo le donne nel parto lì». A breve, diventeranno applicative anche le nuove linee d’indirizzo approvate dalla Commissione nascita della Regione: «Quelle attualmente in vigore sono del 2014, dunque non così datate. Con quelle aggiornate le cose saranno ancora più fluide. Ci sarà, per esempio, uno snellimento burocratico laddove la donna non avrà bisogno di un certificato di buona salute del medico curante, visto che da maggiorenne qual è può senza problemi ricorrere all’autocertificazione. Anche la parte del rimborso delle spese sostenute dalla donna, che al momento può arrivare a un massimo di 1542 euro e che comunque non può superare l’80% degli importi pagati, verranno definite meglio le competenze dell’ostetrica che segue il caso per una maggiore semplificazione». Quanto alle donne che partoriscono a domicilio o in casa maternità, non esiste stando all’osservatorio di Gnan un identikit: «Abbiamo dottoresse e parrucchiere, così come avvocate e addette nei supermercati. Certo, la tendenza è che chi è più scolarizzata è più portata ad approfondire. Ma ci sono davvero donne di ogni genere, sia al primo che al secondo figlio, anche se spesso una brutta esperienza precedente può fare optare per un parto diverso». (s.manz.)
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione