Vai a https://www.regione.emilia-romagna.it/ucraina
Vai a  https://www.agriturismo.emilia-romagna.it/

Marina Romea, «Ghe Pensi Mar»: da Bergomi a Francesca Michielin al bagno Polka

Romagna | 22 Giugno 2022 Cultura
Federico Savini
«L’idea non è semplice. Di più: vieni al mare, prendi l’ombrellone, senti qualcuno che parla al microfono. Lo trovi divertente? Bene, vieni ad ascoltare. Non ti interessa o preferisci fare un bagno? Fai pure, noi non ti disturberemo; se l’ospite che arriva dopo ti interessa di più siamo sempre sempre qui. Tanto è tutto gratis». Luca Restivo è un conduttore radiofonico milanese, attivo da alcuni anni su Radio2 con Cater XL insieme a Davide D’Addato e Federico Vozzi, è legatissimo a Ravenna ed è uno degli organizzatori di «Ghe Pensi Mar», una delle vere novità dell’estate ravennate, un piccolo festival che accoglierà scrittori, speaker, podcaster, cantanti, attori performer, autori televisivi e pure calciatori del passato al bagno Polka di Maria Romea, da mercoledì 22 fino a domenica 26 giugno.
Il programma in dettaglio lo trovate negli appuntamenti (e sui social del bagno Polka), ma a colpire del cartellone è l’eclettismo dei nomi coinvolti, che non sono mai prevedibili eppure sono sempre in qualche modo «coesi» fra di loro. Un’occasione preziosa per approfondire aspetti non banali del mondo della cultura e dello spettacolo italiano, grazie a incontri informali con Francesca Michielin (che presenta il suo libro) o scrittori come Matteo B.Bianchi e Cristiano Cavina, e ancora assistere al recital e alla caustica comicità dello Sgargabonzi, o a quella dell’acclamato Luca Ravenna, magari godendosi il dj-set di un veterano del rap come Bassi Maestro, tra il libro dell’autore Rai Pietro Galeotti e l’evocazione del calcio degli anni ’80 con Beppe Bergomi e Giuseppe Pastore. E poi ci saranno anche i tre speaker di Cater XL (che ripartirà il 4 luglio dalle 18 alle 21 su Radio 2), tra cui Luca Restivo.
«Ghe Pensi Mar è una specie di contrazione dialettale - spiega -, che prende il nome dal GhePensi M.I., un locale milanese  dove succedono un sacco di cose. Quello che ci siamo detti con altri amanti della riviera romagnola era che si poteva organizzare una “cosina” anche a Marina Romea. Inizialmente doveva essere una specie di gita, informalissima. Poi da uno i giorni sono diventati cinque…».
Chi organizza tutto quanto?
«L’idea è di Marco Villa, di un bassoromagnolo doc come Giovanni Bagnari e mia. Ne abbiamo parlato a Matteo Russo, il titolare del GhePensi M.I., che ha accettato con entusiasmo. Così abbiamo coinvolto Yuri Briccolani e gli altri ragazzi del Polka, A forza di chiacchierare, abbiamo messo insieme cinque giornate di incontri, concerti ed eventi».
C’è un criterio nella scelte gli ospiti? Il parterre è uno dei più originali dell’estate.
«Anzitutto la varietà. L’idea era chiamare persone interessanti che fanno cose diverse in modo da intrigare i bagnanti. E poi c’è il divertimento: sono tutte persone brillanti, scrittori e musicisti, nomi locali e stand up comedian. Non vogliamo accentrare l’attenzione, vogliamo rallegrare il mare a chi vorrà esserci, senza disturbare gli altri».
Dovessi consigliare tre chicche?
«Luca Ravenna sabato 25 alle 22.30 non avrà bisogno del mio endorsement: è semplicemente il migliore stand up comedian italiano del momento. Poi di sicuro per i giovanissimi sarà da non perdere l’incontro con Sofia Viscardi e i ragazzi del podcast Senti20, sempre il 25 alle 16. E poi io sarò felicissimo e curiosissimo di intervistare Giada Massetti sulla Cina, giovedì 23 alle 21.
Che locale è il GhePensi M.I.?
«Secondo me tra vent’anni sarà ricordato come il Derby di quest’epoca. È un locale molto vivo, dove si esibiscono i comici più interessanti e ci sono tanti spettacoli e presentazioni letterarie. Cercheremo portarlo a Marina Romea e goderci il mare romagnolo».
Tu sei legatissimo al nostro territorio, ma a Milano la riviera è ancora un mito?
«La fascinazione dei milanesi per la riviera romagnola è totale, senza mezzi termini. Qui il calore lo respiri dall’istante in cui arrivi, non ti trattano da turista ma sempre da persona. E poi la riviera romagnola è entrata nel nostro immaginario con i fasti degli anni ’80 e ’90. C’è poco da fare, credo che quasi tutti gli italiani qui si sentirebbero a casa».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-marina-romea-aghe-pensi-mara-da-bergomi-a-francesca-michielin-al-bagno-polka-n34401 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione