Il Pagadebit compagno imprescindibile del territorio per sorsi d'estate

Romagna | 07 Luglio 2024 Le vie del gusto
il-pagadebit-compagno-imprescindibile-del-territorio-per-sorsi-destate
Riccardo Isola - Forse è il più «contadino», nel senso nobile del termine, dei vitigni e vini romagnoli. Quel bianco intramontabile che da frizzante si declina anche in asciutti e placidi sorsi. Oltre le colonne d’Ercole romagnole lo si identifica con il Bombino Bianco, ma nelle terre del Passatore è conosciuto con il suo termine dialettale di Pagadebit. Un vero e proprio «paga debiti» perché nel passato, vista la sua tenacia, resistenza e vigoria produttiva, non faceva mai mancare un ingresso economico ai contadini. Da allora le cose sono cambiate e come segno distintivo della produzione autoctona all’ombra del Passatore diverse sono le cantine che ancora lo producono, soprattutto nelle versioni frizzante e secco (fermo). Si caratterizza da un’identità di sorso asciutta, di solito si presenta di un giallo paglierino non molto intenso, respira di florealità, soprattutto di biancospino, e vegetale. Al sorso è asciutto, erbaceo e delicato. In alcune versioni spicca la nota amaricante. Noto a partire dagli anni ‘70, sta riscuotendo oggi un rinnovato interesse, in abbinamento a piatti leggeri o non troppo strutturati. Su tutti quelli di pesce. Da provare con i Curzul alle vongole per averne riprova. La zona di produzione più verace e vocata è quella cesenate e riminese ma anche nel ravennate non fa mancare di puntellare le vigne in qua e là. Ne suggeriamo alcuni. In primis forse uno delle più riuscite interpretazioni in assoluto: «Strati» della cantina riminese di Enio Ottaviani. Una versione, affinata in cemento, in cui sapidità e mineralità sono i binari su corre un sorso che parla di sferzate di mare e di vegetalità.  Altra versione molto interessante è il «Pagadebit» di Colombarda, nel cesenate. Qui è un’esplosione di florealità e aromaticità erbacea di erbe aromatiche. Un leggero frutto a polpa bianca gioca con un palato ritmato dalla sapidità e freschezza del sorso. Infine arriviamo a Bertinoro dove Celli presenta il suo «Campi di Fratta» Pagadebit Bio. Un vino divertente e sbarazzino, grazie alla sua personalità vibrante delle bollicine, in cui sapidità e freschezza si esaltano su un prato primaverile e su frutti tendenzialmente acerbi a polpa bianca
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Appuntamenti
Buon Appetito
Progetto intimo
FuoriClasse
Centenari
Mappamondo
Lab 25
Fata Storia
Blog Settesere
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-il-pagadebit-compagno-imprescindibile-del-territorio-per-sorsi-d-estate-n45427 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione