Greta, ragazzina transgender a testa alta: "I deboli sono gli altri"

Romagna | 27 Novembre 2019 Mamma Mia!
greta-ragazzina-transgender-a-testa-alta-quoti-deboli-sono-gli-altriquot
Silvia Manzani

Il nome che le hanno dato alla nascita proprio non lo vuole sentire. Perché fa male. Perché non le corrisponde. Perchè è maschile. Greta, 13 anni, di Ravenna, è una ragazza. Non importa se sul documento c'è scritto il contrario. Ieri sera la sua storia è stata raccontata durante il programma tv «Le Iene», nel quale con grande lucidità, nonostante la sua giovane età, Greta ha detto che i deboli sono i bulli, non lei. Che lei è fiera di essere quella che è, nonostante le difficoltà.

Quando ti senti una femmina ma biologicamente non lo sei, quando fin dall'infanzia ti emarginano da ogni lato, visto che i maschi ti considerano effemminata e le femmine un maschiaccio, la fatica di stare al mondo è tanta. Tanta che arrivi a dire alla mamma, Cinzia Messina, che domattina non ti vuoi svegliare più. A meno che non ci sia una possibilità, quella di essere una ragazza.

«Quante volte mi sono sentita etichettare come frocio - ha spiegato Greta -. Ma la gente non sa che l'identità di genere e l'attrazione sessuale sono due cose diverse». Ci erano cascati anche i suoi genitori, all'inizio, nel tranello: «Anche io per molto tempo ho creduto che fosse gay, di questi argomenti non sapevo nulla», ha ripetuto più volte la mamma.

E anche il gemello di Greta, Paolo, sa già che quando le cose non si capiscono, è più facile prendere la via più comoda: allontanare il diverso, mettersi nella zona di comfort dell'omoologazione. E allora Greta, che frequenta una scuola media della città, lungo il suo percorso scolastico è stata messa da parte, emarginata, presa in giro, tenuta nell'angolo. Ma oggi, nonostante la solitudine e la ghettizzazione, non ha paura di dire al mondo chi è e dove vuole arrivare. La sua famiglia, a testa alta, ha iniziato a studiare, informarsi, comprendere. E soprattutto, a sostenerla: «Per anni ha incassato i colpi che le arrivavano e ha abbassato la testa», ha detto Cinzia.

Ora, invece, Greta lo sguardo lo tiene dritto, così come può entrare in bagno e usare lo struccante della mamma senza nascondersi. Ora i pregiudizi li allontana e sa di non avere bisogno della compassione degli altri: «Noi persone transgender sappiamo chi siamo. E non abbiamo paura di dirlo»
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione