Festa della Montagna, tre serate ad alta quota a Faenza con tantissimo pubblico

Romagna | 29 Ottobre 2019 Sport
festa-della-montagna-tre-serate-ad-alta-quota-a-faenza-con-tantissimo-pubblico
Sono state tre serate ad alta quota con la Festa della Montagna dell’UOEI alla sala “Zanelli” del centro fieristico a Faenza. Non solo per le pareti, gli scalatori e la verticalità che era il tema di questa 53esima edizione, ma anche per il numero di spettatori, complessivamente oltre 800 nelle tre serate della manifestazione, con la punta di circa 330 nell’evento conclusivo. Dopo il primo incontro con lo scalatore trentino Rolando Larcher, protagonista dell’alpinismo sportivo e il giornalista Livio Sposito che ha rievocato le scalate sulle Dolomiti di 150 anni fa del pioniere Paul Grohmann, si è proseguito a tutto sport con il campionissimo Michele Boscacci che ha condotto il pubblico alla scoperta dello sci alpinismo. Tesserato per il Centro Sportivo Esercito dal 2014, l’azzurro valtellinese ha conquistato tante vittorie: per due volte Coppa del Mondo Overall, “Grande Course”, Patruilles fra Glaciers, tour di Rutor, e in ben tre occasioni il trofeo Mezzalama. Da anni si conferma campione italiano vertical. Boscacci sarà uno degli atleti nella finale di Coppa del Mondo di sci alpinismo che si svolgerà a Madonna di Campiglio ad inizio aprile 2020 come illustrato dal responsabile marketing dell’Apt di area, Simone Riva. I giovani dello Junior Ski Team dell’UOEI hanno posato per una foto con Boscacci. Sono stati presentati anche gli altri eventi internazionali di sport invernali del 2020 in Italia: Mondiali di biathlon a Anterselva (febbraio) e finali di Coppa del Mondo di sci alpino a Cortina (marzo).
La conclusione della Festa della Montagna 2019 è stata straordinaria con il ritorno a Faenza dopo 32 anni di Maurizio Zanolla, in arte Manolo, detto anche il Mago, arrampicatore, alpinista e guida alpina. Manolo, considerato uno dei pionieri dell’arrampicata libera in Italia, ha presentato il libro “Eravamo immortali” (Fabbri editori). E’ stato un evento speciale per il decennale dalla proclamazione delle Dolomiti come patrimonio mondiale UNESCO, rappresentato da filmati proposti dalla Fondazione e dall’Apt San Martino di Castrozza Primiero. A fare una foto ricordo con Manolo i giovani atleti di arrampicata della Carchidio Strocchi di Faenza, tra cui Marco Rontini, fresco del titolo europeo giovanile di Arrampicata Sportiva Speed, nella categoria Youth B conquistato pochi giorni fa a Voronezh, in Russia, e il tecnico Stanislao Zama.
Il campione imolese di ultra trail Gian Luca Galeati ha concluso raccontando le sue esperienze nella corsa in montagna, disciplina in cui ha raccolto importanti piazzamenti e successi sulle vette della Valle d’Aosta.
 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione