settesere it notizie-romagna-faenza-la-regione-stanzia-509-mila-euro-per-il-comprensorio-appenninico-per-le-aree-protettea-n28686 001

Faenza, la Regione stanzia 509 mila euro per il comprensorio appenninico per le aree protette 

Romagna | 06 Aprile 2021 Cronaca
faenza-la-regione-stanzia-509-mila-euro-per-il-comprensorio-appenninico-per-le-aree-protette
Sandro Bassi - Dalla Regione 4,5 milioni di euro ai parchi. Tra i destinatari, naturalmente, anche l’«Ente di gestione per i parchi e la biodiversità - Romagna» che comprende la Vena del Gesso, il Bosco della Frattona imolese, il Bosco di Scardavilla a Meldola, i Gessi di Onferno nel riminese e diversi Siti di interesse comunitario inseriti nella rete Natura 2000. Al «nostro» ente andranno esattamente 509mila euro come contributo per il 2021.
«Vogliamo sostenere i territori che garantiscono una gestione qualificata delle aree protette - sottolinea l’assessora regionale Barbara Lori - perché le aree protette sono fondamentali per l’educazione ambientale a vari livelli, per la tutela e per la valorizzazione dei territori stessi in chiave turistica. Le aree protette coprono oltre il 16 % della superficie regionale e sono riserva di biodiversità, polmone verde di contrasto al cambiamento climatico e chiave di volta per uno sviluppo sostenibile».  
E nel nostro caso come verranno impiegate queste risorse? «E’ ancora presto per dirlo - spiega Nevio Agostini, direttore dell’Ente Parchi e Biodiversità Romagna - perché a deciderlo sarà, collegialmente, il Comitato Esecutivo dopo aver sentito diversi pareri tecnici. Posso però dire che indicativamente una parte potrà essere spesa per la difesa e la salvaguardia della biodiversità e un’altra parte invece per il miglioramento delle possibilità di visita: sentieristica e affini». 
Quindi anche per l’accessibilità alle grotte? 
«In teoria sì, precisando però che le grotte sono sui gessi e quello della Vena del Gesso è sì il principale parco di cui ci occupiamo, ma non l’unico. Le risorse andranno ripartite fra tutte le nostre aree protette a seconda dei fabbisogni. Quindi le grotte potranno ricaderci, penso ad esempio a quella del Re Tiberio che ha una delicata ma ben avviata fruizione turistica, però è ancora tutto da decidere». 
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-faenza-la-regione-stanzia-509-mila-euro-per-il-comprensorio-appenninico-per-le-aree-protettea-n28686 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione