Faenza, la figurina del cestista Bellenghi per «Materiale Resistente 2.0»

Romagna | 22 Novembre 2022 Cultura
Il MEI, insieme a Figurine Forever, e' al lavoro per completare il suo progetto di Materiale Resistente 2.0 portato avanti fin dal 2018 per avvicinare attraverso la musica e le figurine le giovani generazioni ai temi della Liberazione.
Dopo avere realizzato numerosi contest e una compilation con tanti nuovi brani sulla Resistenza realizzati dal cantautore toscano Giulio Wilson, ora
in tour con gli Inti Illimani, il rapper sicliano Kento, il gruppo folk Sambene dalle Marche, il rapper napoletano Tueff, la Compagnia Scapestrati,
la Banda POPolare dell'Emilia Rossa e tanti altri artisti .  e avere prodotto e diffuso il brano intitolato proprio "Bruno Neri", dedicato al calciatore partigiano faentino realizzato dalla band emiliana dei Gasparazzo e avere riscosso un grande riscontro dalla stampa e distribuzione della figurina di Bruno Neri in occasione degli ultimi due anniversaari del 25 aprile , Giornata Nazionale della Liberazione. Infatti, e' stato boom per due anni per la figurina solidale di Bruno Neri, il calciatore partigiano faentino, che dopo il sold out dell’anno scorso, ha visto una nuova stampa della figurina solidale, che raccoglie fondi per beneficenza, con tantissime richieste da tutta Italia,  In questi due anni le circa 200 figurine solidali sono andate dunque esaurite con richieste provenienti anche dall'estero.
Restano solo poche figurine di Bruno Neri con la maglia del Torino e della Fiorentina, ristampate a a grande richiesta dei tifosi delle due squadre.
Bruno Neri, Nato a Faenza il 12 ottobre 1910, emerse il suo talento per il calcio. E milito', dopo il Faenza, tra le altre squadre nel Torino, nella
Fiorentina e nella Lucchese. Già nel corso dell'esperienza calcistica dimostrò la sua disapprovazione verso il regime fascista. Rimane celebre una sua foto del 1931 nella qualeall'inaugurazione dello stadio fiorentino "Giovanni Berta" (successivamente noto come Stadio Artemio Franchi) fu l'unico a non rendere omaggio alle autorità con il saluto romano Vicecomandante del Battaglione Ravenna con nome di battaglia "Berni",era dislocato nella zona compresa tra il campo d'azione del gruppo guidato da Silvio Corbari e la 36ª Brigata Bianconcini, in un'area strategicamente significativa a ridosso della Linea Gotica. L'attività partigiana non gli impedì di tornare ad indossare gli scarpini da calciatore: partecipò, infatti, al Campionato Alta Italia 1944 con la maglia del Faenza. Cadde in uno scontro con i nazisti avvenuto il 10 luglio 1944 a Marradi nei pressi dell'eremo di Gamogna, sull'Appennino tosco-romagnolo, mentre si recava insieme a Vittorio Bellenghi ("Nico", ex ufficiale del Regio Esercito e comandante del Ravenna) a perlustrare il percorso che avrebbe dovuto condurre il suo battaglione a recuperare un aviolancio alleato sul Monte Lavane.

Il Mei progetta e conclude il suo progetto di Materiale Resistente 2.0 insieme a Figurine Forever, storico produttore di figurine che omaggiano i
grandi della musica e dello sport e del cinema e di tante altre arti e culture, sempre con lo scopo di raccogliere fondi a sostegno di progetti di solidarieta',  realizzando la figurina di Vittorio Bellenghi, tragicamente morto con Bruno Neri all'Eremo di Gamogna, con la maglia della Pallacanestro Faenza, squadra nella quale militava.

Vittorio Bellenghi, Nato il 7 marzo  1913 a Faenza, celibe, ragioniere sottoufficiale dell’esercito, giocatore di pallacanestro, iscritto all’Università di Bologna, facoltà di Economia e Commercio, attivista  di Radio Zella e partigiano. Divenuto comandante del Battaglione Ravenna, cadde il 10 luglio 1944 a Marradi (Gamogna) insieme a Bruno NerI, colpito a morte dagli occupanti tedeschi.
Il Battaglione “Ravenna” partì la domenica 9 luglio 1944 con una quarantina di uomini, da Casale di Modigliana. La formazione partigiana si mise in
movimento lungo il sentiero del crinale, diretta al monte Lavane . Qui era previsto un aviolancio di materiali bellici. Il gruppo in serata passò dal
Torretto e l’indomani puntò su Gamogna. La strada carrabile che collega Marradi a San Benedetto era presidiata da ingenti forze tedesche. Vittorio
Bellenghi e Bruno Neri, rispettivamente comandante e vice-comandante della formazione partigiana, decisero di andare da soli in avanscoperta a
perlustrare la zona nel primo pomeriggio. I due erano armati di mitra e arrivarono alla cima del dosso che sovrasta il cimitero, nei pressi di una
fonte e dell’eremo di Gamogna. In un tratto scoperto all’improvviso, passato il cimitero, si accorsero che alla loro sinistra tre soldati tedeschi stavano salendo un sentiero. La reazione di Neri e Bellenghi fu immediata e risposero al fuoco. Ma ormai erano stati raggiunti mortalmente dai colpi. La loro morte interruppe il progetto di costituire una formazione partigiana nel faentino denominata Battaglione “Ravenna”.

Si tratta di un dittico di figurine imperdibili, quelle di Bruno Neri e Vittorio Bellenghi insieme. La figurina, andata in stampa oggi, sara' presentata ufficialmente alla conferenza stampa indetta dal Comune di Faenza delle iniziative legate alle Celebrazioni della Liberazione di Faenza avvenuta il 17 dicembre 1944.

Le figurine dsi Vittorio Bellenghi, insieme a quelle residue di Bruno Neri, saranno messe in vendita per una raccolta fondi per beneficenza da parte di
Figurine Forever presso l‘Edicola del Duomo di Faenza di Vito Ammirabile e l’Edicola della Stazione Fs di Faenza, che aveva gia' distribuito con successo quelle di Bruno Neri, nell'ambito del progetto di Materiale Resistente 2.0  che per tre anni ha curato la realizzazione di nuove canzoni sulla Resistenza da parte di giovani artisti e band e il coordinamento di Giordano Sangiorgi, patron del MEI e nipote della famiglia Tozzi che abitava a Cà di Malanca, dove oggi ha sede il Museo della Resistenza, nel durissimo periodo della Battaglia di Liberazione di Purocielo. Si possono fare richieste di figurine scrivendo a mei@materialimusicali.it e figurineforever@gmail.com  e saranno spedite a casa per via postale.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-faenza-la-figurina-del-cestista-bellenghi-per-amateriale-resistente-2.0a-n36521 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione