Faenza, itinerari novembrini nella «Strada della Romagna»

Romagna | 02 Novembre 2018 Gusto
faenza-itinerari-novembrini-nella-strada-della-romagna
Anche nel mese di novembre lungo la Strada della Romagna abbondano incontri e occasioni stuzzicanti per degustare i sapori autentici di questa terra e riscoprire antiche tradizioni contadine che si tramandano nei secoli grazie all’impegno di chi vive quotidianamente la campagna.
In questo periodo dell’anno è d’obbligo, ad esempio, una gita a Brisighella, dove nelle quattro domeniche di novembre vanno in scena altrettante sagre dedicate a prodotti tipici del territorio: si parte dalla Sagra del porcello (4 novembre), per passare poi a quella della pera volpina e del formaggio stagionato (11 novembre), al tartufo (18 novembre) e all’ulivo e all’olio (25 novembre). Accanto ai banchi dove acquistare i sapori del territorio, l’occasione è ghiotta per assaggiare i piatti tipici preparati dagli chef locali, come quelli del ristorante e hotel «La Rocca» situato nel cuore del paese. Spostandoci verso Faenza, più precisamente a Oriolo dei Fichi, nel parco della Torre medievale nel week-end del 10 e 11 novembre va in scena «Grani e melograni», evento dedicato alla riscoperta e valorizzazione di grani antichi, sapori autoctoni, colture e culture locali attraverso degustazioni guidate, convegni, laboratori di cucina, agricoltura e artigianato e l’immancabile mostra-mercato dei prodotti tipici.
A pochi chilometri di distanza, Pro Loco e comune di Castel Bolognese organizzano per domenica 11 novembre la tradizionale «Festa de Brazadel d’la Cros e del vino novello». I due protagonisti del giorno sono il tradizionale ciambello secco della croce, patrimonio dell’antica arte di panificazione castellana, e il vino novello, primo nettare di Bacco della nuova vendemmia.
Ma chi ama il buon vino durante la festa ha anche l’occasione di assaggiare il Sangiovese e l’Albana delle cantine locali. Una curiosità? Si trova proprio qui la miglior Albana di Romagna secondo il concorso di GiovinBacco 2018: è la «Masselina» della Tenuta Masselina, arrivata prima a pari merito con «Arlus» della cantina Trerè. Tra i prodotti locali da abbinare ai vini del territorio in questa stagione i più golosi sono sicuramente i formaggi. Rimanendo in zona un approdo sicuro è il Caseificio Boschetto Vecchio di Conselice: dalla ricotta allo squacquerone fino al raviggiolo e ai tomini stagionati la scelta tra prodotti di alta qualità a km zero è davvero molto ampia.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravenna.confcooperative.it
Vai a https://www.decoindustrie.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Vai a https://www.trony.it/online/laws/Offerta-lavoro-dml-programmatore-faenza-15-11-2016
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

via Zanelli, 8
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544 1880790
Faenza - tel. 0546 20535
E-mail: pubblicita@settesere.it
Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Proprietario “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione