Vai a https://www.regione.emilia-romagna.it/ucraina
Vai a  https://www.agriturismo.emilia-romagna.it/

Faenza, Ilenia uccisa perchè voleva riconosciuti i sui diritti

Romagna | 11 Maggio 2022 Cronaca
faenza-ilenia-uccisa-perchau-voleva-riconosciuti-i-sui-diritti
La confessione del sicario ha trovato ampi riscontri nelle indagini, autopsia compresa. Mentre l'ex marito, indicato come mandante del delitto, ha mentito a partire dalle giustificazioni fornite per dare incarico all'altro: di "spaventare la moglie solo per farla desistere dalla causa di lavoro, ma di non farle del male e tanto meno di ucciderla". In sintesi sono queste le motivazioni, depositate con circa un mese di anticipo rispetto ai termini, con le quali la Corte d'Assise di Ravenna ha spiegato la ragione dei due ergastoli inflitti il 28 febbraio scorso per la morte della 46enne Ilenia Fabbri, la donna sgozzata il 6 febbraio 2021 nel suo appartamento di Faenza. Imputati, l'ex marito 55enne Claudio Nanni e l'ex amico di questi, il 54enne Pierluigi Barbieri nato a Cervia, ma domiciliato a Rubiera (Reggio Emilia). Dopo avere esaminato tutte le testimonianze, la Corte, presieduta dal giudice Michele Leoni estensore del documento, ha delineato il movente: "Con la morte della moglie", Nanni "avrebbe cessato di versare il mantenimento per la figlia" - Arianna, oggi 21enne - "avrebbe evitato di pagare alla moglie le sue spettanze di lavoro, avrebbe venduto la casa come voleva, intascando tutto il ricavato". Un paragrafo è stato dedicato a quella che è stata definita "'sciagurata' ordinanza presidenziale" in ragione al provvedimento legato alla separazione del 21 settembre 2017 dal Tribunale e che avrebbe esacerbato gli animi inducendo i due a una "convivenza forzata". Un "provvedimento abnorme e illegittimo", è stato definito, ma anche "incredibilmente a favore dell'elemento maschile della coppia" con la donna che "fu messa in una situazione di inferiorità e grave esposizione" e con Nanni che "probabilmente ne trasse un senso di onnipotenza e di impunità". In definitiva Ilenia "fu uccisa perché voleva vedersi riconosciuta i propri diritti di moglie e lavoratrice", con implicito riferimento alla causa di lavoro fatta all'ex marito per gli anni trascorsi nell'officina di famiglia.
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy (Preferenze Cookie)
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-faenza-ilenia-uccisa-percha-voleva-riconosciuti-i-sui-diritti-n33934 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione