Erika e la prematurità: "Il tempo sospeso della Tin"

Romagna | 03 Ottobre 2019 Mamma Mia!
Erika Montuschi, faentina, cinque anni fa ha vissuto l’esperienza della Terapia intensiva neonatale con il primo figlio, nato di un chilo e 400 grammi alla 32esima settimana di gravidanza. Un’esperienza che l’ha molto segnata, nonostante il lieto fine e la forte preparazione con la quale era arrivata al parto: «Avendo la gestione, sapevo che il mio bimbo sarebbe nato prematuro e mi ero caricata di forze. Anche a mio nipote era successa la stessa cosa, quindi la mia consapevolezza era senza dubbio più alta rispetto a quella di tante mamme per le quali la nascita prematura arriva all’improvviso, in modo traumatico». Il figlio di Erika è rimasto ricoverato un mese: «Per fortuna la sua storia clinica è stata in discesa, non ha avuto complicazioni. Ma si vive quel periodo in uno stato di congelamento, sospesi e in attesa, impotenti e pieni di sensi di colpa. Io pensavo sempre al fatto che avevo procurato al mio bambino una sofferenza, che non ero riuscita ad arrivare alla fine della gravidanza come le altre mamme. A tutto questo si sommava l’impossibilità, nelle prime settimane, di prenderlo in braccio e allattarlo, così come il contenimento emotivo al quale si è costretti là dentro: perché magari tuo figlio sta crescendo e sta bene ma a un metro dalla sua culla c’è un neonato che è in ben altre situazioni. Insomma, anche la gioia per i piccoli passi avanti va tenuta dentro». Erika, per questo, è convinta che avere la possibilità di essere seguiti dagli psicologi sia fondamentale: «Io non ne ho sentito il bisogno. Ma l’opzione deve esserci a sostegno di tanti genitori che ne sentono la necessità».
CONDIVIDI Condividi
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati
on-line

al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Vai a https://www.legacoopromagna.it
Follow Us
Facebook
Twitter
Youtube
Vai a https://www.ravennarimini.confcooperative.it/
Vai a https://www.teleromagna.it
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Corso Mazzini, 52
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy Policy
Redazione di Ravenna

via Cavour, 133
Tel 0544 1880790
E-mail direttore@settesere.it
Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa © 2017
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, via Cavour 133.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati


Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione