Debutta «Mantiq At-Tayr», il Grande Teatro di Lido Adriano

Romagna | 27 Maggio 2023 Cultura
debutta-mantiq-at-tayr-il-grande-teatro-di-lido-adriano
Quale anteprima migliore all’edizione che Ravenna Festival dedica alla dimensione invisibile della città – il tessuto di esperienze, storie, relazioni – di un progetto in cui è protagonista la comunità? Domenica 28 maggio, alle 20 al CISIM, debutta Mantiq At-Tayr - il Verbo degli Uccelli (repliche fino al 2 giugno), primo spettacolo del Grande Teatro di Lido Adriano. Nato nella cosmopolita località della riviera attorno al CISIM, centro culturale (e molto altro) gestito e diretto dal Lato Oscuro della Costa, il Grande Teatro propone la rilettura del poema sapienziale sufi di Farid Ad Din Attar su drammaturgia dello scrittore di origine algerina Tahar Lamri e con la regia di Luigi Dadina, che del GTLA è direttore artistico accanto a Lanfranco Vicari, ovvero il rapper Moder. Musica, rap, teatro, arte visiva, sartoria, poesia uniscono quasi duecento persone di ogni età e provenienza in uno spettacolo itinerante, con musica dal vivo, che attraverserà Lido Adriano. Mantiq At-Tayr è una coproduzione CISIM/LODC e Ravenna Festival, in collaborazione con Ravenna Teatro/Teatro delle Albe, Librazione Soc. Coop., La Cuciria e Riti.

Si deve all’ultimo verso di una terzina dantesca – quella che fa riferimento al miracoloso arrivo a Ravenna dell’icona della Madonna Greca, giunta in volo da oriente sulle acque del mare – il nome di Lido Adriano (“Nostra Donna in sul lito adriano”, Par. XXI, v. 123). Di quel poetico battesimo dev’essere rimasto qualcosa nelle vene di questo conglomerato di condomini e nazionalità (oltre sessanta quelle rappresentate in questa anomala e multietnica koinè sul mare), se oggi Lido Adriano, con il progetto comunitario pluriennale del Grande Teatro, si misura con antichi versi persiani. Il poema del XIII secolo racconta di come gli uccelli, desiderosi di un sovrano e incoraggiati dall’upupa, si mettano alla ricerca del mitico Simorgh…per scoprire, al termine di mille peripezie, che il Simorgh altro non è che uno specchio in cui si riflette la loro immagine, perché scopo del viaggio è la ricerca di se stessi.

“Stiamo costruendo un teatro popolare – scrive Luigi Dadina nel ‘diario di bordo’ della produzione – Se ho appena parlato di un teatro che tende all’interiorità, a convergere, a convertirsi, cerco nello stesso istante un teatro che tenda a divergere, a divertirsi, a divertire. (…) Ci siamo dati un’unica regola, nel nostro teatro il coro è il centro, o arriviamo tutti o non arriviamo”. Coerentemente alla filosofia del poema, in cui il viaggio è più importante della meta, il GTLA è prima di tutto il processo che ha visto lavorare insieme sulla scena e dietro le quinte persone di diverse generazioni e background, ravennati di origini non italiane, rifugiati arrivati da Afghanistan, Pakistan, Nigeria, Gambia, immigrati dalle regioni del Sud, studenti, pensionati…creando rapporti inediti, valorizzandosi a vicenda, contribuendo ognuno con il proprio bagaglio di vita.

Sono sette le valli che gli uccelli attraversano in Mantiq At-Tayr – quelle della Ricerca, dell’Amore, della Conoscenza, del Distacco, dell’Unità, dello Stupore e della Povertà – e sono sette i laboratori, tutti gratuiti, organizzati a partire dallo scorso dicembre. E anche i personaggi di questa rilettura sono comunità, per la precisione stormi: ogni gruppo di attori rappresenta collettivamente una famiglia di uccelli; musica e canto, parte integrante della drammaturgia, cementano l’idea di un’espressione corale. Fra le specie di uccelli è stato introdotto anche il fratino, non presente nel testo persiano ma parte dell’ecosistema dell’Emilia Romagna – un altro modo di “adottare” il poema, confermarne l’universalità che appartiene a ogni territorio e gruppo umano, come accade solo con le grandi narrative.


Info e prevendite: 0544 249244 – www.ravennafestival.org

Biglietti: posto unico 10 Euro; under 18: 5 Euro

Da domenica 28 maggio a venerdì 2 giugno
Cisim, Grande Teatro di Lido Adriano, ore 20
Mantiq At-Tayr il Verbo degli Uccelli

 

direzione artistica Luigi Dadina, Lanfranco Vicari
regia Luigi Dadina
drammaturgia Tahar Lamri
direzione organizzativa Federica Francesca Vicari
scena e supervisione costumi Alessandra Carini, Nicola Montalbini
ideazione costumi Sartoria Natascia Ferrini, Stefania Pelloni, Simona Tartaull
composizione musiche e arrangiamenti Francesco Giampaoli
cori Lanfranco Vicari
coordinamento musicale Francesco Giampaoli, Enrico Bocchini
narrazione e cura degli spazi scenici Massimiliano Benini

 
 
Compila questo modulo per scrivere un commento
Nome:
Commento:
Settesere Community
Abbonati on-line
al settimanale Setteserequi!

SCOPRI COME
Scarica la nostra App!
Scarica la nostra APP
Follow Us
Facebook
Instagram
Youtube
Appuntamenti
Buon Appetito
Progetto intimo
FuoriClasse
Centenari
Mappamondo
Lab 25
Fata Storia
Blog Settesere
Logo Settesere
Facebook  Twitter   Youtube
Redazione di Faenza

Via Severoli, 16 A
Tel. +39 0546/20535
E-mail: direttore@settesere.it
Privacy & Cookie Policy - Preferenze Cookie
Redazione di Ravenna

via Arcivescovo Gerberto 17
Tel 0544/1880790
E-mail direttore@settesere.it

Pubblicità

Per la pubblicità su SettesereQui e Settesere.it potete rivolgervi a: Media Romagna
Ravenna - tel. 0544/1880790
Faenza - tel. 0546/20535
E-mail: pubblicita@settesere.it

Credits TITANKA! Spa
Setteserequi è una testata registrata presso il Tribunale di Ravenna al n.457 del 03/10/1964 - Numero iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione:
23201- Direttore responsabile Manuel Poletti - Editore “Media Romagna” cooperativa di giornalisti con sede a Ravenna, Arcivescovo Gerberto 17.
La testata fruisce dei contributi diretti editoria L. 198/2016 e d.lgs. 70/2017 (ex L. 250/90).
Contributi incassati

settesere it notizie-romagna-debutta-mantiq-at-tayr-il-grande-teatro-di-lido-adriano-n38950 005
Licenza contenuti Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione